VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

04/05/15

ELECTRIC VIOLET - In Real Life

Full-length, Red Cat Records
(2015)

Se pensiamo alla moltitudine di gruppi italiani che spopolano e che cercano disperatamente di far successo non possiamo non renderci conto che la scena underground del nostro Bel Paese è molto vasta e piena di formazioni che, purtroppo, non hanno ottenuto il successo meritato. Siamo ad Ancona nel 2014 e un gruppo di giovani decide di creare quel che sarà un progetto sostanzialmente Alternative Rock con influenze molteplici: britpop, progressive, elettronica, indie e pop si fondono, infatti, in un frizzante mix musicale. Chi sono queste menti? Gli Electric Violet. Essi sono composti sostanzialmente da un quartetto: Raffaele Petrucci (voce principale, sintetizzatori), Tommaso Pompili: (chitarra, tastiera, sintetizzatore e voce secondaria), Simone Castracani (basso) e Luca Todd Zannini (batteria e voce secondaria). Il primo full si ha con l'album "In Real Life" che rappresenta l'esordio dei marchigiani e pare sia molto riuscito. Le motivazioni? Essenzialmente esse consistono nella riuscita ricerca di una sonorità accattivante che fosse anche pertinente con le tematiche trattate. 

Se state pensando al solito gruppo dai temi scontati, infatti, vi sbagliate di grosso: "In Real Life" è un vero trattato sul nostro mondo attuale nel quale si evidenziano i rapporti dell'uomo con la tecnologia, i social network, internet, l'alienazione e tutto ciò che il tutto comporta. L'intro "Log In" ci porta con una connessione 56kbps e i suoi famossimi rumori in questo bizzarrissimo mondo che la band ci propone. Già dalla seconda traccia avvertiamo i riferimenti a gruppi giovanili come 30 Seconds to Mars o Placebo ma senza riprodurne pedissequamente la forma. Il cantante Petrucci ha una buona componente vocale che gli permette di destreggiarsi bene tra le atmosfere. "My Violet Rose", infatti, è una track dall'incedere divertente che scorre in pochi attimi. Anche "Alive" è un pezzo simile che procede senza troppi complimenti. 
I riferimenti elettronici sono la vera chicca dell'album poiché essi donano un tocco di originalità e spontaneità che raramente si vede in gruppi nati così recentemente. "Heath Undone", invece, risente nella prima parte fortissimamente dell'influenza Coldplay per poi strizzare l'occhio anche ai Duran Duran. "Right to Fall" non si discosta molto dalle precedenti mentre la strumentale "Berlin" dona parecchia varietà con una parte strumentale ben curata e divertita grazie alle parti di chitarra in tapping. "Angy" strizza molto l'occhio ai gruppi Alternative Rock inglesi e americani come The Exies ma anche al passato Britpop dei Beatles grazie a delle vocals che ne ricordano molto le gesta (nei pezzi più duri del colosso inglese ovviamente). 

La titletrack è una traccia molto sognante e la sua atmosfera la eleva alla mia preferita dell'album insieme a Angie. La calma si mischia con atmosfere fortemente progressive che sembrano direttamente ereditate dalla slide guitar di Gillmour in The Division Bell. "Worlds Collide", "Bright STar" ci conducono gradualmente alla conclusione dell'album ma è compito di "Home" l'arduo compito di riportarci alla vita reale con un pezzo dalle due fasi: calmo nell'intro e più aggressivo e vivace nell'outro grazie anche a una splendida interpretazione canora. Cosa dire di questo "In Real Life"? E' un disco riuscito che riesce facilmente a conquistare i fan dell'alternative rock. Pecca un po' di inesperienza poiché alcune sezioni sono, nonostante tutti i pregi elencati, abbastanza scontate e troppo ispirate al passato. 
 Ma, in sostanza, non si tratta per nulla di una riproduzione di esso quanto una volontà della band di miscelare sagacemente varie influenze per creare il proprio stile. Per cui l'esperimento è riuscito e i marchigiani possono vantarsi di aver costruito un platter dal grande potenziale, non sempre applicato alla perfezione, che riesce però a garantire una giusta presa sul pubblico.

Recensione di: Davide Cantelmi
VOTO 75/100

Tracklist:
1. Log In
2. My Violet Rose
3. Alive
4. Heart Undone
5. Right to the Fall
6. Berlin
7. Angy
8. In Real Life
9. World Collide
10. Bright Star
11. Home

https://www.facebook.com/ElectricViolet/timeline

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...