VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? VUOI PUBBLICIZZARTI? ALLORA SCRIVI A: heavymetalmaniac1@libero.it

venerdì 24 giugno 2016

BIOSCRAPE - Psychologram (Review)

Full-length, Overdub Recordings
(2016)

Overdub Recordings
I Bioscrape sono una band alternative metal con influenze post-HC nata nel 2006. Nel 2009 realizzano il promo-cd "AlienHate. Nel 2011 pubblicano "EXP.01", il loro primo album, e quest'anno è la volta di questo nuovo "Psychologram", che viene presentato come "il filo introspettivo dell’essere umano che collega questo mondo con realtà aliene di altri pianeti”. 
Onestamente sono rimasto un po' spiazzato dalla proposta musicale di questi Bioscrape. Tutto l'album ha un alone asettico, contorto, dove tutto sembra calcolato e meccanico, in un mondo dove l'umanità sembra assumere nuovi connotati, magari proprio quei connotati, soprattutto di pensiero, che potrebbero inglobare la nostra mente se si verificasse proprio ciò che riportavo poc'anzi e presente nella loro biografia, ovvero il contatto con realtà aliene di altri pianeti. Ecco quindi che, come in un film di Cronenberg, qui tutto appare ammantato di una coltre scura, impenetrabile e malata, dove al posto delle immagini abbiamo i riff asettici e mai melodici di S., la voce urlata e monocorde di J., e una sezione ritmica essenziale ma ben pensata ad opera di V. (batteria) e P. (basso)

Dicevo del mio essere rimasto spiazzato e lo rimarco. Sin dall'iniziale "Primordial Judge", arrivando alla conclusiva "Psychologram", questa band tutta italiana propone un qualcosa di nuovo e sperimentale, dove pare ci sia la volontà di spezzettare la forma canzone in favore di un approccio cerebrale, che potrebbe ricordare anche certi Voivod nelle intenzioni, ma che si esprime poi in territori a cavallo tra sperimentazione, industrial, noise e post hc. E' per questo che trovo molto difficile catalogare questo album, ed è anche difficile dare una valutazione coerente. Ci sono sicuramente degli episodi bruttini, come ad esempio la inconcludente "Cyber Hope", apprezzabile solo per il bel basso pulsante messo in evidenza, ma priva di qualsiasi elemento che possa attirare l'attenzione dell'ascoltatore. Segnaliamo, invece, come uno dei pezzi più belli e trascinanti del lotto, "Astro Noise", in grado di colpire sia con la violenza dell'hardcore più genuino, ma anche di saper aprirsi a buone atmosfere dal sapore fantascientifico e futuristico, o la finale "Psychologram", più diretta e concisa. 

E sono proprio questi elementi a tenere in piedi tutti i brani di "Psychlogram": freddezza, rabbia, voglia di sperimetare e di forgiare una materia asettica e distante dall'uomo. Sinceramente io le cose migliori le sento quando la band decide di essere leggermente meno intricata e di lasciarsi andare a qualcosa di più "semplice", come succede anche in "Bioscrape", che secondo me riesce a porsi come punto di sintesi tra volontà di progressione e attaccamento ad una formula di più facile fruibilità. E' per questo che, in generale, non riesco a farmi piacere molto questo disco. Riconosco che questa band ha delle indubbie qualità, ma penso anche che il non trasmettere assolutamente nulla a livello emotivo sia un limite importante, anche se magari voluto dalla band stessa. E' evidente il desiderio di proprorre qualcosa di "non semplice", ma è anche evidente che ci sono diverse cose su cui lavorare, in primis sulla capacità di costruire dei brani in grado di catturare maggiormente l'attenzione di chi ascolta e di non cercare a tutti i costi di stupire con soluzioni non convenzionali. A volte fare un passo indietro non significa per forza sconfitta, ma capacità di capire ciò che funziona meglio o meno in un brano...

In generale "Psychologram" rimane comunque un buon disco, coraggioso e "avanti", ma che mette in mostra i limiti di una band troppo acerba e che deve lavorare molto dal punto di vista compositivo ed emozionale.

Recensione a cura di: Sergio "Bickle" Vinci
VOTO: 60/100

Tracklist:

01 – Primordial Judge
02 – Mechanical Providence
03 – Aliena
04 – Bioscrape
05 – Killer Collision
06 – Cyber Hope
07 – Astro Noise
08 – Echo Silent
09 – Vega Cospiration
10 – Psychologram

Nessun commento:

Posta un commento