VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

27/09/16

WELKIN "The Silent Way" (Review)

Full-length, Ghost Record Label
(2016)

I Welkin sono un gruppo di Treviso formatosi alla fine degli anni 90. Il genere musicale proposto fin dagli esordi è un Heavy Metal d’impostazione classica, che con il tempo si è evoluto dalle chiare influenze di gruppi quali Metallica, Iron Maiden ed Halloween, verso un sound accostabile al rock alternativo, che assume un’identità propria grazie alla consapevolezza che il gruppo acquisisce on stage e dai cambiamenti della line up che si sono susseguiti fino ad oggi.
La band incide il primo demo intitolato “Waves of Midnight” nel 2008 proponendo otto brani che mescolavano, in modo spesso confuso, le classiche sonorità power metal con melodie rock care ai nineties più radiofonici. Nel 2015 i Welkin con la nuova formazione composta da Francesco Bresolin (voce e chitarra ritmica), Arturo Trivellato (chitarra solista), Francesco Mocci (batteria) e Andrea Cenedese (basso), hanno composto nuovi brani registrando il primo EP “The Silent Way” per la Ghost Record Label, presso il Fennec Studio di San Donà di Piave.

L’apripista di questo lavoro è “Turn To Me”, pezzo che inizia con un arpeggio molto nineties che si evolve con riff cadenzati di chiara estrazione metal. “My Enemy” prosegue sulla falsa riga della traccia precedente, alterando coordinate riferibili al rock alternativo ad echi lontani accostabili al Metal d’annata. “Edge Of Life” è un piacevole mid tempo, strutturato con un certo gusto melodico e miscela sapientemente l’anima rock con la tempra metallica che i Welkin tendono a dare alla propria musica. “Clossing In The Dark” è probabilmente una delle due true metal song dell’intero lavoro, in quanto rispecchia quasi in toto tutti i lemmi cari al nostro genere preferito. Con “Tiny Thing” giungiamo prossimi alla fine dell’EP con un pezzo che, contrariamente alla traccia precedente, ci riporta in toto negli anni dei camicioni a quadri, dove depressione e autocommiserazione la facevano da padrone. Chiude l’intero lavoro, l’altra metal song del disco “Nightmare (All My Sins)”, altro esempio ben riuscito di musica metal dove tutti i membri della band regalano una buona prova sul pezzo più bello dell’intero lotto di tracce proposte.

Che dire: apprezzabile il tentativo dei Welkin di provare a tracciare un percorso artistico personale, in un mondo musicale che sta morendo soffocato da proposte che spesso riciclano idee musicali di 30/40 anni fa, ma se pur buone le idee spesso risultano confuse, inficiando quanto di buono i ragazzi veneti cercano di esprimere. Peccato veniale che, ne sono certo, solo il tempo potrà espiare.

Recensione a cura di: Antonio Arcudi 
Voto: 60/100 

Tracklist:
01. Turn To Me 4:42 
02. My Enemy 4:49 
03. Edge Of Life 3:25 
04. Clossing In The Dark 4:05 
05. Tiny Thing 3:41 
06. Nightmare (All My Sins) 4:44

PAGINA FACEBOOK

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...