05/07/17

KEPLERO “Maluma Live Session” (Recensione)

EP, Autoprodotto
(2017)

Iniziamo presentando questa band con delle note biografiche: "I Keplero sono una band di Foggia, formata da Sergio Valerio (vocals & guitar), Luca d'Altilia (bass), Costantino Martino (drums). Il progetto Keplero nasce nel 2013, ispirato dalla figura di questo astronomo/fisico/matematico che per primo si chiese quale fosse la musica che risuona nello spazio, cimentandosi nel riprodurre l'armonia dei pianeti". "Maluma Live Session" è il terzo EP dei KEPLERO.

Ed ora passiamo alla musica contenuta in questo ep, costituito da quattro brani registrati in presa diretta, ed è, come dice la band "frutto di un’intensa ricerca di nuove suggestioni, di scenari più densi e profondi, in cui si concede largo spazio ai suoni elettronici, riflessivi, ipnotici dei synth". Descrizione che mi trova concorde, perchè in questo ep, oltre all'indie rock, si fa largo anche un po' di new e dark wave, seppure non in maniera pesante. I pezzi sono abbastanza vari tra loro; si passa dalla fredda ed ipnotica "Remarti Contro", che gode di begli spiragli creati dai synth, ma anche di uno sviluppo ancorato a certo rock alternativo ben supportato dalla voce calda di Sergio Valerio. 
La seguente "Il ritorno più breve" è più classicamente rock, ma conserva nelle sue note un certo feeling atmosferico che si arricchisce anche di strumenti come lo xilofono. Da segnalare anche i bei testi in italiano non solo di questo brano, ma di tutti e quattro, che trattano la controversa natura dell’animo umano, alle scelte che ognuno di noi prima o poi dovrà affrontare, al significato e alla percezione del tempo. 

"La (radicale) Trasformazione del cuore umano" ha un bel piglio, è sia energica che melodica, e gioca sull'alternarsi di queste due situazioni. "Ora (Com’é stare fuori?)" ci riporta su terreni più freddi, ad atmosfere più cupe e introspettive, ma verso il finale si fa davvero interessante grazie ad una bellissima apertura sognante.
Ep riuscito in definitiva, che non può che farci sperare in bene per il futuro di questa band.

Recensione a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"
Voto: 70/100

Tracklist: 
1. Remarti contro 
2. Il ritorno più breve 
3. La (radicale) Trasformazione del cuore umano 
4. Ora (Com’é stare fuori?)

KEPLERO - Facebook

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...