VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? VUOI PUBBLICIZZARTI? ALLORA SCRIVI A: heavymetalmaniac1@libero.it

martedì 22 maggio 2018

KNELT ROTE "Alterity" (Recensione)

Full-length, Nuclear War Now! Productions
(2018)

Una mazzata in piena faccia, questo brevissimo ritorno dei Knelt Rote. Solo sette pezzi, affilati come coltelli e brutali come colpi di maglio, per un lavoro che, al primo ascolto, non può non ricordare i più celebri Anaal Nathrakh: elementi black metal ed elementi grindcore si fondono perfettamente in questo lavoro, che restituisce il terzetto americano dopo sei anni di attesa.

Buona parte del riffing, infatti, è gelido, glaciale e distante, in perfetto stile Limbonic Art (ma ancora ve li ricordate?), lontano dal lo-fi delle origini norvegesi del genere. Ma esiste una seconda anima, più rasposa potremmo dire, che rimanda direttamente al riffing ed alle dinamiche crust/grind; magari fa la sua comparsa in maniera minoritaria, era magari più presente ai loro inizi, ma va comunque a comporre l'ossatura della band. 

Su tutto si staglia un ottimo lavoro vocale, fatto di due ugole che si rincorrono a vicenda a chi è più sguaiato e gutturale, anche in questo mettendo in scena un dualismo estremo e convincente. 
Un lavoro forse non originalissimo, ma che mantiene sempre elevato il livello della tensione, e che rivela una cura per i dettagli solo appena nascosta da un approccio che si spaccia per minimale. Fanno male alle orecchie, ma ne vale la pena.

Recensione a cura di: Fulvio Ermete
Voto: 74/100

Tracklist:

1. Lachesis 02:44 
2. Lineage and Dependence 02:54 
3. Rumination 03:37 
4. Genetic Memory 01:40 
5. Othering 04:45 
6. Salience 03:25 
7. Black Triptych 02:16 

DURATA TOTALE: 21:21

Nessun commento:

Posta un commento