PHOENIX FEST - in arrivo cinque concerti metal


A dicembre doppio appuntamento alla sala Falcone-Borsellino di Formia. Due serate, cinque concerti. Sarà un dicembre ricco di musica metal e rock con il doppio appuntamento in programma con il Phoenix Fest, sempre presso la sala Falcone-Borsellino di Formia, ogni sera a partire dalle 21. La seconda edizione, infatti, propone due nuove date con diverse esibizioni: il 7 dicembre sarà la volta dei “Grimace Gall” e dei “Bloodhsed Walhalla”; mentre il 23 dicembre ad esibirsi saranno i “Lesnar Suplex” e – a seguire – gli “Esimere” e i “Plakkaggio”. Un pienone di musica, insomma, che si aprirà con la devozione musicale e al “puro spirito cupo e naturale” dei “Grimace Gall”, gruppo nato da un'idea di Daniele Nurzia e Nicolò Finis con un progetto ispirato al doom ma anche su una variante tipicamente black. A loro seguiranno – nella sera del 7 dicembre – i “Bloodshed Walhalla” , nati nel 2006 da un progetto del polistrumentista Drakhen e che prosegue in una lunga marcia nell'underground con diversi dichi, tra cui “The Legends of a Viking” o ancora “The Battle will never end”.. Il viking metal dei “Bloodshed Walhalla” è epico e battagliero, in esso si alternano vari stili vocali. Triplicano addirittura le esibizioni in programma per il prossimo 23 dicembre, secondo appuntamento annunciato del mese. La serata inizierà sulle note dei “Lesnar Suplex” un gruppo metal del cassinate, formatosi nel 2018, la cui proposta musicale è un connubio tra “velocità del punk e violenza del metal”. Sarà poi la volta dei “Esimere” , nati nel 2018 a L'Aquila, dopo due tentativi di aggregazione alle spalle avvenuti nel 2003 e nel 2013, il cui è prevista l'uscita del primo album nel 2020. Infine – solo per questa prima parte della seconda edizione che si conclude con il 2019 – sarà il momento dei “Plakkaggio”, nati nel 2004 a Colleferro per volontà di Gabbath (Gabriele, voce e chitarra), ChrisNunnoS (Chris, basso e cori) e Lord Ceciroth (Alessandro – batteria). Un gran finale d'anno, quello che propone il Phoenix Fest, per gli appassionati ed i curiosi del 
genere. 

Nessun commento