19/07/10

Massacration "Gates of Metal Fried Chicken of Death"

Full-length, Deckdisc, 2005
Genere: Heavy Metal

Il Brasile è una delle terre storiche del metal, ci ha regalato formazioni storiche più o meno conosciute quali Guerrilha, Sepultura, Holocausto, Vulcano, Dorsal Atlântica, Ratos de Porão solo per citarne alcune. E' anche vero che, da dove meno te l'aspetti, ecco che ti vien fuori la realtà fuori "contesto" che vive la stessa passione: "IL METAL" con una visione decisamente guascona e scanzonata.
I Massacration, nati come un fake, la classica formazione creata per alzare gli ascolti in un programma televisivo, con tanto di curriculum musicale naturalmente anch'esso inesistente e parrucconi, quelli purtroppo veri, iniziarono pian piano a conquistarsi le simpatie della gente fino a suonare dal vivo realmente andando in tour con i Sepultura. In quell'occassione Igor Cavalera divenne il loro session alla batteria e di lì a poco coadiuvati da João Gordo dei Ratos de Porão diedero vita al primo disco.

"Gates of Metal Fried Chicken of Death". Si può intitolare un album in questo modo e pretendere che sia quanto meno serio? Assolutamente no. I ragazzi suonano bene, un classico heavy metal influenzato da Iron Maiden, Judas Priest e la cafonaggine più becera dei Manowar, mettono a ferro e fuoco per quarantacinque minuti le orecchie con testi inverosibili e titoli da far rizzare il pelo anche agli Atroci. Ok "Metal Is The Law" è quanto più classico uno si possa attendere, un clichè all'ennesima potenza, ma "Evil Pappagalli" che ci permette di conoscere le gesta di un Pappagallo alquanto "irrequieto"? Non parliamo delle spiegazioni che ci forniscono sul come preparare una gran grigliata in "Feel The Fire From Barbecue" e sconsiglio vivamente a chi odia i dentisti di ascoltare il racconto di "Metal Dental Destruction".
L'avventura metallica che il singer Detonator accompagnato dai chitarristi Blond Hammet/Headmaster, il bassista Metal Avenger è fuori da ogni schema possibile e delirante come "L'Allenatore Nel Pallone" di Banfi e soci, sarà per questo che infilare il cd e divertirsi con una "Metal Glu-Glu" o la conclusiva "Metal Bucetation" seppur appare come sensazione che dopo l'on air magari svanisce, in quel momento distende.

Un album di pura goliardia che ha come unico scopo quello di prendere un po' in giro un mondo che certe volte si fa fin troppo forte degli stereotipi cucendoseli addosso a carne viva.
Vi lascio col testo di Evil Pappagalli che è una summa della loro creatività:

"I met a bird that
Came From Hell
He is little green
He is very well


He likes to play
He likes the milk
He likes to fight
He likes to kill


I met a bird that
Came from hell
He is little green
He is very well


He cannot fly
And he is revolt
He don't like me
And then he told


Chorus:
Lôro
Lôro quer biscoito!
Quer biscoito!


Evil Papagali
He wants to kill
He ordered me to
Puta que pariu


Evil Papagali
He is animal
He got the power
Of heavy metal


He's got the power
Of The furation
You feel the pain
Is the bication


He's master of hell
And we're
Massacration
He wants to speak
To all the nation


Curupaco feel
the fire
Curupaco feel

Curupaco kill
With power
Curupaco kill!"

Il cantato in brasiliano potrà urtarvi a primo impatto, ma con un paio di on air andrà giù e sarà il sorriso
a rimanere la cosa importante che i Massacration vi lasceranno come ricordo.

Recensione a cura di: TombVoto 72/100

Tracklist:
1. Intro 01:25
2. Metal Is The Law 03:45
3. Evil Papagali 04:51
4. Metal Massacre Attack (Aruê Aruô) 01:54
5. Feel The Fire From Barbecue 03:49
6. Metal Milkshake 02:47
7. The God Master 02:17
8. Cereal Metal 04:00
9. Metal Dental Destruction 05:20
10. Let´s Ride To Metal Land (The Passage Is R$ 1,00) 04:46
11. Metal Glu-Glu 03:15
12. Away Doom 01:53
13. Metal Bucetation 06:21

Total playing time 43:43

http://www.massacration.com.br/
http://www.myspace.com/massacrationofficial

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...