VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? VUOI PUBBLICIZZARTI? ALLORA SCRIVI A: heavymetalmaniac1@libero.it

domenica 17 gennaio 2016

DRAMA - Sink or Swim

Full-length, Minotauro Records 
(2015)

'Sink or Swim', è uno dei tanti album che in Italia uscirono (e non uscirono) tra gli anni Ottanta e Novanta che, nonostante il loro indubbio valore artistico, non raccolsero mai nulla o quasi, per sfortune varie non sempre legate alle band stesse, ma a quello che girava loro intorno. In questo caso, anzi, il master dell'album rimase in un cassetto e il disco non fu mai pubblicato dalla loro etichetta dell'epoca e nemmeno da altre. Parliamo del 1990 circa e il disco in questione vede fortunatamente la luce oggi grazie alla attentissima Minotauro Records. Si tratta quindi del loro secondo album, e ha e aveva tutte le carte in regola per irrompere nel panorama hard rock dell'epoca, visto che queste dieci tracce suonano ancora oggi fresche e gradevoli. Meglio tardi che mai quindi!

Il quintetto che ha preso parte alle registrazioni di quest'album era formato da questi elementi, tutti decisamente preparati, e in gradi di poter fare il salto definitivo di qualità, dopo il debutto "Once and for All"(1988), se la fortuna li avesse assistiti (e magari fossero nati in un altro Paese...): Ronnie Alberti (voce), Luca Trabanelli (chitarra), J.L. Brochiero (tastiere), Luca Bona (basso) e Paolo Martella (batteria). 
Ascoltando per bene il disco, appare davvero un peccato che questo album non sia uscito in quel periodo, ma in Italia le cose per il rock duro non sono mai andate molto bene, e la storia dei Drama non è purtroppo un caso isolato...Ascoltando canzoni spumeggianti come "More than Each Other", dal piglio decisamente heavy e con grandi riff di chitarra, o l'opener "Headin' for the Heartbreak", si ha chiaro che i Nostri avevano molto da dire, in uno stile che deve molto all'hard rock melodico, ma che si insinua anche in territori più consoni all'heavy metal, grazie alla chitarra massiccia e tagliente di Luca Trabanelli. Anche negli episodi più spensierati e dove le tastiere fanno da contraltare ad una base decisamente heavy rock, come in "Last God of War" il gruppo si rivela molto trascinante e in gran spolvero, avendo quel qualcosa di molto semplice ma che non sempre si può ritrovare, ovvero la capacità di far muovere testa e piedi, di scuotere l'ascoltatore grazie al groove e ai ritmi incalzanti e alle buone melodie vocali intonate da Ronnie Alberti.

Tutto il disco si mantiene su coordinate di alto livello, toccando poi punte davvero notevoli in episodi pieni di pathos come "Far Away from Home", la classica canzone melodica che ti aspetti da un gruppo hard rock degli anni Ottanta, dove facili melodie da cantare a squarciagola e innesti persino di sax ammantano il tutto di una vena romantica e sentimentale, per arrivare all'assolo di chitarra, semplice e incisivo.
Non rimane molto altro da dire, perchè tutto l'album si mantiene su registri piuttosto apprezzabili. Certo, se il vostro pane quotidiano è formato da estremismo sonoro o da sperimentazioni strane, state lontani da questo album. Se invece amate le buone canzoni, la buona musica in senso generale, e siete anche abituati a rilassarvi in auto facendo un viaggio con un buon album in sottofondo, questo "Sink or Swim" farà sicuramente al caso vostro.
In un periodo in cui l'hard rock sembra stia timidamente ritornando (mi viene, sempre parlando di Italia, l'ottimo debutto dei Reckless uscito in questi giorni), credo che acquistare questa reliquia, per coloro che amano sonorità dure ma melodiche, è quasi d'obbligo. Tra l'altro si renderebbe giustizia ad un disco che per miracolo è stato portato a galla venticinque anni dopo la sua composizione, e che per il fallimento della label MetaMaster ha rischiato l'oblio prima ancora di essere pubblicato. 
Questo cd è reperibile in due formati, quella in jewel case normale, con un libretto essenziale, e l'edizione digipak, molto più ricca nel booklet, con testi e altre informazioni varie. Quindi cosa aspettate ancora?

Recensione a cura di: Sergio "Bickle" Vinci
Voto: 70/100

 Tracklist:
1 - Headin' for the Heartbreak - 4:02
2 - Little Dancer - 3:40
3 - Get it On - 4:00
4 - Lost Inside - 5:05
5 - More than Each Other - 3:41
6 - Last God of War - 3:51
7 - Far Away from Home - 5:32
8 - Blue Lites - 4:08
9 - Rockin' Years - 3:55
10 - The Raiders of the Lost Cherry - 3:42

Nessun commento:

Posta un commento