31/01/12

Blut Aus Nord "777 - The Desantification"

Full-length, Debemur Morti Productions, 2011
Genere: Black Metal/Sperimentale

Questo secondo episodio di quella che dai francesi Blut Aus Nord è stata concepita come una trilogia (“777" appunto), a distanza di pochi mesi rompe nettamente i confini con il suo predecessore...è proprio questa la mossa azzeccata, che riconferma la grandezza di questa band, la sua autonomia rispetto agli schemi di un genere, perfino del più sperimentale.

Infatti se con il precedente "Sects" i Blut Aus Nord sembravano accodarsi senza troppe spiegazioni a quella nuova tendenza post-black, rumorista e progressiva inaugurata come nuovo filone dai Deathspell Omega, qui le carte in tavola vengono nuovamente rimescolate: nel nuovo capitolo la band parla la lingua della più nera e rituale musica ambient, con i suoni del black metal. Qualcuno addirittura ha parlato di “disco dark“ e forse questa definizione, per quanto suoni strana, è appropriata: suoni lenti, oscuri e ripetitivi sostituiscono i blast beats e le distorsioni cacofoniche del lavoro precedente e forse è questa la veste adatta per i Blut Aus Nord, dove troviamo riff minimali e dissonanti, una voce quasi mantrica, che appare e scompare irregolarmente nel corso del disco, melodie enigmatiche ed inquietanti che aleggiano su tempi dispari e ritmiche cadenzate, a volte lentissime. Parliamo di un disco non per tutti: chi cerca l'assalto frontale e liberatorio del black metal più classico ne rimarrà deluso; questo è un album atmosferico, che va apprezzato nella sua interezza, fatto di effetti allucinati e sonorità quasi psicotrope, volte a ricreare l'atmosfera buia e catartica di un rituale.

Personalmente ho trovato questo album arduo da comprendere al primo ascolto, in quanto non è certo un ascolto immediato. Ma entrando più approfonditamente nel suo mood non ho avuto dubbi che fosse uno dei migliori album realizzati dai Blut Aus Nord, che si dimostrano una band capace di non aderire ad una tendenza in particolare, di sperimentare pur mantenendo uno stile proprio. Perfino in una scena come quella attuale, dove tutto sembra essere stato detto e per molti creare musica che abbia personalità significa per forza fare gli avanguardisti, giocare con diversi sound creando ibridi mostruosi (quasi ridicoli a volte), i Blut Aus Nord sanno essere una band poliedrica e allo stesso tempo coerente con se stessa, e “The Desantification" ne è la prova.

Recensione a cura di: Static Chaos 
VOTO: 78/100

Tracklist:
1. Epitome VII 07:31
2. Epitome VIII 06:27
3. Epitome IX 02:07
4. Epitome X 07:22
5. Epitome XI 06:15
6. Epitome XII 05:57
7. Epitome XIII 07:08

DURATA TOTALE: 42:47

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...