20/01/12

Collapse "A Mano Armata"

EP, Self-released, 2011
Genere: Thrash/Speed Metal

I Collapse arrivano da Firenze, sono una giovane thrash metal band e, come quasi tutte le band che partono da zero, si sono fatti le ossa prima di approdare a questo primo EP intitolato "A Mano Armata".
Infatti facendo un breve sunto biografico della band vediamo che la band si stabilizza definitivamente nel 2009 dopo vari cambi di line-up, e in loro emerge la concreta idea di passare da quartetto a quintetto, e di pari passo la volontà di mettere in pratica uno stile che parte dal thrash, ma che abbraccia anche riff speed ed influenze hardcore, il tutto letto in maniera schietta, senza troppi fronzoli.

E infatti l’idea che ci si fa ascoltando questo “A Mano Armata” è proprio questa. Una band che innanzitutto sa suonare, ha gusto e ha anche già le idee chiare su come debba suonare la propria musica, ed è facile udirlo sentendo l’ottima resa sonora di questo disco. A più riprese la band fiorentina mi ha ricordato, oltre alla solita base di influenze derivanti dalla vecchia scuola thrash, anche nuove leve, in particolare i Gama Bomb, per la velocità e l’irruenza con cui assaltano l’ascoltatore. Non c’è praticamente tregua in queste quattro tracce, dalla micidiale opener “Terminator” fino alla conclusiva “Roma a Mano Armata”; quasi quattordici minuti di violenza thrash/speed/core che riesuma in qualche frangente anche gente come Nuclear Assault, DRI o SOD, il tutto accompagnato da un drumming preciso e forsennato e una voce ruvida quanto basta, che urla sdegno e amarezza con una base di amara ironia che a volte emerge.

Che dire ancora? I Collapse non credo vogliano inventare nulla di nuovo e infatti non l’hanno inventato, ma queste quattro canzoni suonano sufficientemente fresche per meritare un ascolto da parte di tutti i cultori del genere. Aggiungiamoci, come dicevo, che il tutto è stato curato in maniera professionale, dall’artwork, alla produzione, fino alla prova strettamente tecnica dei musicisti, che dimostrano già da giovani di avere ottime basi su cui lavorare, ma che già il terreno è solido. Forse gli manca ancora il famigerato "fattore X", ma da un EP d’esordio con queste credenziali mi sembra di andare a cercare il pelo nell’uovo…Trascinanti e capaci, che aspettate a scoprirli, cari thrash maniacs?

Recensione a cura di: Sergio Vinci “Kosmos Reversum"
VOTO: 70/100

Tracklist:
1. Terminator 03:28
2. Speed Metal from the Grave 04:13
3. The Band of Mexcal 02:08
4. Roma a Mano Armata 03:49

DURATA TOTALE: 13:38

http://collapseflorence.bandcamp.com/
http://www.myspace.com/collapseflorence
http://www.facebook.com/pages/CollapsE/215981390709

2 commenti:

  1. Grazie per la bella recensione!

    RispondiElimina
  2. Kosmos Reversum20 gennaio, 2012

    Bel disco! Solo dovere!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...