VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

18/11/14

HELLGEIST - Hellgeist

Full-length, Nadir Music
(2014)

Gli Hellgeist sono una band di Cuneo (Piemonte per chi non lo sapesse), formata nel 2011 con all'attivo un ep di 5 pezzi. Il 2014 è l'anno dell'omonimo debut "Hellgeist" e dovrebbe essere un disco thrash, dico dovrebbe perché durante l'ascolto qualcosa non è andato per il verso giusto. Per uno come me dedito al thrash dei tempi che furono, ascoltare e recensire un disco thrash uscito nel 2014 è sempre una sfida e quando mi capitano band nostrane come Game Over e Interceptor (solo per citarne un paio) capisco che non tutto è perduto, perché la parola thrash gli calza a pennello.

Quando però mi capitano band come gli Hellgeist le cose cambiano. Partiamo dal presupposto che "Hellgeist" non sia un disco brutto e neanche suonato male, ma non è thrash nella concezione propria del termine. Il "new thrash" che la band propone fin dalle prime note è debitrice alla proposta musicale sia dei Pantera che di gruppi che hanno mutato il concetto di thrash come i The Haunted o i The Crown (prendendo i primi a caso). Il disco concettualmente è ben composto ed omogeneo e la tecnica compositiva ed esecutiva della band è più che buona confezionando un buon debut nella sua interezza ma non mi permetterei mai di consigliare questo disco ad uno che ascolta tutto il giorno gruppi come gli Exumer perché mi ucciderebbe probabilmente. 

Diciamo che "Hellgeist" non è adatto ai thrasher old school ma a metallari più propensi ad ascoltare sonorità più moderne e vocalmente più death oriented alla At The Gates. Gusti personali a parte nel complesso la band ha le idee ben chiare in testa e il disco in se è molto godibile e si ascolta volentieri perché certi passaggi e fraseggi di chitarra sono ben fatti e strutturati così come il drumming è ben congeniato. 
In conclusione direi che è un debut fatto davvero bene ma che non convincerebbe mai un thrasher incallito. Per tutti gli altri amanti dei generi estremi può essere un ottimo disco.

Recensione di: Luca Maggi "Il Meggi"
VOTO: 65/100

Tracklist:
1) Last Breath
2) Again
3) Black Bells
4) Mindead
5) Your World
6) Emily
7) Blood Faith
8) Hell

https://www.facebook.com/hellgeistmetal

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...