VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? VUOI PUBBLICIZZARTI? ALLORA SCRIVI A: heavymetalmaniac1@libero.it

martedì 19 gennaio 2016

MISSA MORTVM - Et Lux Perpetua Luceat Eis...

Full Length, Satanath Records/Sphera Noctis Records/ Darzamadicus Records
(2015)


Il Black Metal è un genere assai sfaccettato. A volte si tende ad integrare sotto questa denominazione di tutto e di più, spesso cercando di far coincidere intenti e visioni concettualmente simili, ma musicalmente distanti tra loro. Non è il caso dei nostri Missa Mortvm che con “Et Lux Perpetua Luceat Eis...”sanno esattamente cosa significa fare Black Metal e lo fanno nella più totale devozione alla Fiamma Nera e al Male, quello della dannazione e perdizione.
Il loro debutto su disco ci fa pensare che il Cile non sia propriamente un accogliente e caloroso paese dell'America Latina, ma una succursale della diabolica e gelida Scandinavia. In circa 41 minuti, i nostri, suddividono le loro preghiere al maligno su cinque tracce, tutte cantate in lingua madre, che ci fanno capire che l'oscurità non è lontana dal rivendicare il suo legittimo trono sulla terra. 

Lo stile proposto è il Black Metal primigenio e ferale, Dissection, Mayhem, DarkThrone, primi Marduk e chi più ne ha più ne metta. La band capitanata da Ots, polistrumentista in tutti i ruoli fuorchè al basso, pilotato in questo caso da AJ, si avvale dal vivo anche di due chitarre come session ed ha una notevole attività live, volta a promuovere al meglio “Et Lux Perpetua Luceat Eis...”. E potrei fermarmi tranquillamente qui. 
Non me ne vogliano i puristi di un certo modo di intendere il Black metal, ma qui l'approssimazione in fase di registrazione riesce ad invalidare molto la proposta dei Missa Mortvm. A parte la voce, che appare in primo piano in ogni traccia, il resto spesso risulta di difficile interpretazione a causa di alcune scelte discutibili in fase di realizzazione. Per esperienza diretta, basta molto poco a rendere l'amalgama del lavoro un caos organizzato, questo a discapito della fruizione in toto della proposta. Alcuni frangenti sono molto interessanti, pregevole l'intento di rendere la trama variegata con stacchi evocativi e spesso veri e propri inni vocali in pulito diretti al Nero Signore, ma vuoi la registrazione, vuoi la prolissità delle canzoni (alcuni pezzi arrivano quasi a dieci minuti), risulta difficile arrivare alla fine del lavoro senza una certo senso di stanchezza e di appiattimento generale. 

La batterie sono ridotte al minimo per quanto riguarda la dinamica, i pezzi sembrano avere differenti mix, dato che i suoni di chitarra si scuriscono da una traccia all'altra e rendendo il tutto decisamente poco incisivo. Poi una cosa che ho notato è l'uso eccessivo del riverbero, onnipresente su ogni singolo strumento, come se fossimo in una caverna o in una cattedrale. Abbiate pietà, capisco che è l'opera prima, ma proprio per questo motivo resta il biglietto da visita più rappresentativo per una band al giorno d'oggi, quindi meglio sarà realizzato, maggiore il feedback sarà positivo, il che non è poco ai giorni nostri. Voglio capire che la provenienza da un paese che sicuramente non ha un grande background di musica estrema, inevitabilmente implica che alcune scelte di suoni a noi risultino datate, ma purtroppo il mercato globale impone standard elevati, e che sia questo un pregio o un difetto, resta la realtà oggettiva dei fatti. 
Riassumendo, “Et Lux Perpetua Luceat Eis...” è un prodotto sicuramente migliorabile, ma che ha tra i suoi pregi l'onestà di chi suona un Black Metal diretto, raw e senza compromessi, e come tale sicuramente troverà un suo perché tra i seguaci dell'ortodossia tout-court. 

Mi spiace solo perché, a mio avviso, una maggiore cura in fase di registrazione avrebbe reso il debutto dei Missa Morvtm un evento maggiormente appetibile su più fronti, e non solo per un'esigua minoranza. Nulla toglie che le idee e la voglia di fare ci sono. Quindi attendiamo fiduciosi la prossima prova. 

Recensione a cura di D666
Voto: 60/100


Tracklist:
1. Cantos Profanos 09:49 
2. Oh Bene Subtritus... 06:27 
3. Caos Nocturno 08:50 
4. Amissa Anima 09:21 
5. Ire Viam de Lumine 07:04 

DURATA TOTALE: 41:31

Nessun commento:

Posta un commento