VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? VUOI PUBBLICIZZARTI? ALLORA SCRIVI A: heavymetalmaniac1@libero.it

martedì 23 febbraio 2016

SACRILEGIOUS IMPALEMENT - First Three Nails (Review)

Full Length / Compilation, Satanath Records
(2015)


La Satanath Records immette sul mercato, sia digitale che su supporto limitato a 500 copie, questa compilation/raccolta dei finlandesi Sacrilegious Impalement, che raccoglie il primo demo "Total Annihilation" del 2006, l'EP "Sacrilegious Impalement" del 2007 e il 7” "World in Ashes" del 2008. E potrei anche fermarmi qui. Non me ne vogliano i finlandesi, ma la raccolte di materiale inedito e primitivo, come demo, b/side e inediti su tape mi urtano dai gruppi blasonati, figuriamoci dai Sacrilegious Impalement, che per quanto siano una discreta band di Black Metal grezzo ed oscuro, non sono certo dei capisaldi del genere, semmai dei gregari, nel marasma di proposte a livello mondiale.
Ciò che comunque salta all'orecchio nel primo demo, è una notevole voglia di farsi valere, cosa che apprezzo e stimo. Tre tracce, quelle di "Total Annihilation", che suonano già discretamente bene e pur non brillando per originalità, spesso il difetto maggiore dei Sacrilegious Impalement, si fanno sentire e godere con il loro Black Metal un po scolastico ma efficace.

l'EP "Sacrilegious Impalement"è anch'esso un discreto lavoro, registrato paradossalmente peggio, non so se per una precisa scelta stilistica oppure per un difetto finale di mix, ma il suono risulta un po scuro e non troppo bilanciato. Le tracce suonano però più articolate e risentono dell'influenza di gente come i Dissection, quindi violenza si, ma morbosa e sanguigna. Buoni pezzi insomma, ma niente di miracoloso. 
L'ultimo capitolo della raccolta, ossia il 7” "World in Ashes", è anch'esso molto scuro in fase di mix e di suoni, ma le composizioni sono più compatte, meno sfilacciate a livello di struttura, quindi diciamo che dei miglioramenti globali nel tempo ci sono stati, cosa che poi suppongo si sentirà nei lavori futuri. Interessante poi la scelta di rendere “Behead The Infants Of God”, la traccia che chiude il lavoro, un esperimento di proto-Black'n'roll, con tanto di quattro all'inizio del brano. Effetto simpatico e che da al tutto una dimensione decisamente più informale, cosa che questa raccolta, in fondo resta.

Se siete del die-hard fans della band in questione, fate vostro questo lavoro, del resto i primi lavori sono abbondantemente esauriti, quindi un ripasso generale non può che fare bene, per chi invece è al primo approccio, come il sottoscritto ad esempio, resta una raccolta sterile e francamente un po' fine a se stessa e che finisce, ben presto, a prendere polvere sulla mensola dei CD.

Recensione a cura di: D666
Voto 60/100

Tracklist:
01. Total Annihilation 04:25 
02. Holy Terror 03:48 
03. Eternal Agonies 07:35 
04. Sacrilegious Impalement 06:27 
05. Infinite Darkness 04:26 
06. Prophet Of Misanthropy 06:27 
07. Eternal Agonies 07:40 
08. World In Ashes 04:19 
09. Behead The Infants Of God 04:09

DURATA TOTALE: 49:47

PAGINA FACEBOOK

Nessun commento:

Posta un commento