VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

29/06/16

ETRUSGRAVE - Aita's Sentence (Review)

Full-length, Minotauro Records
(2016)

Terzo disco per i toscani Etrusgrave, autori di un roccioso heavy metal che strizza l'occhio all'epic. E' un suono senza tempo quello che ci mettono sul piatto questi quattro musicisti, dove le chitarre ruggiscono con riff melodici e taglienti, con la voce davvero bella di Tiziano "Hammerhead" Sbaragli che con la sua ugola vellutata riesce a infondere calore ed emozionalità a pezzi tutto sommato semplici nella struttura, ma ben pensati e non banali. Il termine che userei, piuttosto, è "classici" per descrivere questi sette pezzi, dove ogni musicista fa il suo dovere con perizia e ispirazione.

Le due tracce d'apertura "Anxiety" e "Mammoth Trumphet" sono un monito: heavy metal melodico ed epico, belle melodie vocali, ottimi assoli di chitarra e una sezione ritmica che, soprattutto nella seconda traccia che ho appena menzionato, si rivela trascinante e ottima base per gli acuti di Tiziano. "Festering Slash" si apre con toni dimessi e mi ha ricordato qualcosa di Blaze Bayley solista, anche per quel che concerne le tonalità vocali. Toni un po' drammatici quindi, chitarre pulite e poi, all'improvviso, una impennata dai toni heavy ed epici. Ben lavoro davvero!
Un'altra formazione che di tanto in tanto mi è venuta in mente ascoltando questo disco sono gli Hammerfall, ma in generale i nomi da tirare in ballo potrebbero essere molti, perchè qui si pesca a piene mani dall'heavy metal più tradizionale. Più hard rock oriented si presenta "North North West", con vaghi influssi prog, mentre la title track è un pezzo che si apre struggente con la voce del sempre ottimo Tiziano che avvolge l'ascoltatore e lo porta lontano, lo fa sognare, lo fa piangere per poi riportarlo a sorridere. Successivamente la potenza delle chitarre prende il sopravvento, ma le emozioni in questo brano toccano vette davvero alte e potrei quasi affermare che ci troviamo di fronte al brano migliore del lotto.

"Coward" e "The Guardian" chiudono il disco, mantenendo inalterate tutte le caratteristiche degli Etrusgrave finora descritte, ovvero heavy metal dal forte impatto emotivo, epico e suonato alla grande e con belle melodie. Un plauso particolare va alla voce di Tiziano Sbaragli, ma anche alla chitarra di Fulberto Serena, un vero e instancabile contenitore di ottimi riff, oltre che ottimo arrangiatore e solista.
Disco che ogni metal-head che si rispetti deve avere!

Recensione a cura di: Sergio "Bickle" Vinci
VOTO: 70/100

Tracklist:

1. Anxiety
2. Mammoth Trumphet
3. Festering Slash
4. North North West
5. Aita's Sentence
6. Coward
7. The Guardian

PAGINA FACEBOOK

2 commenti:

  1. Ottima recensione...grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi, bel disco che tiene alto il tricolore italiano!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...