BARREN EARTH "A Complex of Cages" (Recensione)


Full-length, Century Media Records
(2018)
I nostri amici finlandesi ci presentano il loro quarto album in studio, uscito a marzo del 2018, nel quale affinano ancora di più il loro mix di death metal, progressive rock e folk. Il titolo si riferisce ai testi dell’album, i quali parlano principalmente di malattie mentali, che tendono a isolare le persone come “un insieme di gabbie”. Si tratta di un album particolare, dato che è stato registrato nonostante due grandi assenze dei membri fondatori Kasper Mårtenson (tastierista) e Mikko Kotamäki (voce principale), sostituiti rispettivamente da Antti Myllynen e Jón Aldará, i quali tengono alto il nome della band e ci regalano una grandissima interpretazione. 

L’abbondante ora di musica di questo album vola via, grazie all’ecletticità di questi musicisti. Già dalle prime tracce si alternano riff pieni zeppi di groove a parti più death metal, potendo contare sulla grande varietà di registri vocali di Aldarà. Coma da scuola finlandese non mancano riff con ritmi più dilatati, che fanno pensare a perle come “Before The Winter” dei connazionali Stratovarius. Di tanto in tanto fanno capolino sezioni che sfiorano il jazz, con progressioni di accordi complesse e ricche, che ci riportano alle sperimentazioni del rock anni ’70. Le parti death non sfociano mai in blast beat, e questo potrebbe lasciare leggermente insoddisfatti i più “brutal”, anche se a mio avviso sono perfettamente equilibrate e ricordano vagamente gli Opeth, anche se con suoni più duri. 

Come di consueto la Finlandia sforna un ottimo album, intenso e vario, che soddisfa gli amanti di tutte le influenze presenti nelle sonorità della band, il che rappresenta sempre un rischio quando si mischiano molti generi. 

Recensione a cura di: Andrea “Maelstrom” Bignardi
Voto: 80/100 

Tracklist:
1. The Living Fortress 06:45 
2. The Ruby 04:48 
3. Further Down 06:33 
4. Zeal 07:45
5. Scatterprey 05:40 
6. Solitude Pith 10:17 
7. Dysphoria 07:45 
8. Spire 06:37 
9. Withdrawal 05:16

DURATA TOTALE: 01:01:26

WEB:
Facebook
Homepage

Nessun commento