ILIENSES TREE "Edda" (Recensione)


EP, Maculata Anima Rec.
(2017)

Si vagheggia da tempo che l'Italia non sia degna di rappresentare il Metal Estremo ma questo è uno di quei luoghi comuni che ho sempre detestato. Fino a prova contraria la Sardegna è splendida terra del suolo italico e i cagliaritani ci presentano un EP meritevole di ascolto. Siamo in ambito Doom/Death ma non ci troviamo in mezzo a scenari funerei. In effetti "Edda" è rivestito da una carica positiva che conferisce alle tracce un taglio sanguigno. 

Dopo un'introduzione con sottofondo di tuoni, si manifesta subito la grinta del vocalist che mette in campo la sua personalità attraverso un growl rabbioso. Costui ci sa fare al microfono e si distingue anche nei momenti di scream. Le chitarre sono efficaci e ben sincronizzate tra di loro. In alcuni tratti suonano oscure, in altri rompono l'atmosfera con sfuriate letali. Il basso e la batteria scandiscono ottimamente i tempi rendendosi omogenei alla struttura dei brani. 

C'è spazio per accelerazioni di Metal brutale, quindi si torna ai rallentamenti tipici del Doom e li sopraggiungono pregevoli ricami di chitarra ad accompagnare refrains accattivanti. Niente da eccepire sull'amalgama, tutto è incastrato a dovere. Alla fine il disco è scorso senza cadute di stile e mi viene di pensare che gli Ilienses Tree sono pronti per esordire sulla lunga distanza. 
Intanto godetevi i brani di "Edda", entrano in testa e scaldano fatalmente il cuore. Complimenti ragazzi, mi avete regalato sprazzi di vibrante giovinezza! 

Recensione a cura di: Andrea Bottoni
Voto 85/100

Tracklist:
1. Edda 01:54
2. The Birth 05:48
3. Ragnarok 08:33
4. Agony 07:23
5. Dark Age 01:30

DURATA TOTALE: 25:08

WEB:
Bandcamp
Facebook

1 commento: