Vuoi qui il tuo annuncio? Scrivi a: hmmzine@libero.it

SKELETHAL "Unveiling the Threshold" (Recensione)


Full-length, Hells Headbangers Records
(2020)

La prima impressione che ricevo dall'ascolto di "Unveiling The Threshold" è di trovarmi nel bel mezzo della confusione. In effetti i francesi Skelethal hanno partorito un disco caotico, dove non viene fuori una chiara linea d'indirizzo musicale. Sembra Death Metal e tutto sommato lo è ma i suoni sono molto sporchi così da non risultare tanto incisivi. 

"Sideral Lifespan" comincia angosciante per poi incartarsi in una folle corsa alla cieca. La produzione non aiuta certo a cogliere eventuali sfumature sonore ma sono le idee che mancano alla base. Segue "Antropomorphia" che continua sulla stessa linea del Death più ignorante e primitivo. Un riff di chitarra rompe il ritmo veloce e s'inserisce poi nella furiosa ripartenza. La terza traccia è "Emerging From The Ethereal Threshold". Partenza a marcia ridotta, quindi il solito spirito selvaggio a spingerci nella cruda materia di queste note. "Repulsive Recollections" entra in crescendo e mostra pian piano una foga viscerale. I cambi ritmici di batteria permettono di variare finalmente un po' con la proposta. Arriviamo a "Cave Dwellers" e la situazione torna a rendersi caotica e frenetica. "On Somber Soil" da più spazio al lavoro delle due chitarre, può risaltare così un'atmosfera più complessa e malsana. Il growl mi piace nella sua cupezza di fondo, il groove è senz'altro più definito in quest'episodio. Penultimo brano "Adorned With The Black Vertebra" dal taglio brutale e distruttivo. Qui risulta difficile immaginare di opporre qualunque forma di resistenza. Gui Haunting ci assale con un growling sulfureo e velenoso. Lucas alla chitarra solista ricama note laceranti. In chiusura della tracklist abbiamo "Abyssal Church... The Portal Revealed" che si sviluppa gradatamente. Al momento opportuno il combo transalpino sferra l'attacco micidiale, lasciando poco respiro a chi ascolta. Successivamente il pezzo muta leggermente pelle, riservandoci una parte più elaborata. 

Finale a velocità forsennata, con piccola chiusura acustica per lasciarci appena un poco sorpresi. Non mi sento affatto di elogiare questi musicisti perché non lasciano un'impronta interessante nell'attuale scenario Death Metal. La personalità non emerge minimamente in questa release discografica. Io son qui a costatare come oggi siano poche le band capaci di gettare un seme che possa rinnovare lo spirito del Metal più audace. Mi accontento di giudicare con le mie orecchie e godere solo quando ne vale la pena. 

Andrea Bottoni
60/100

Tracklist:
1. Sidereal Lifespan
2. Antropomorphia 
3. Emerging from the Ethereal Threshold 
4. Repulsive Recollections
5. Cave Dwellers 
6. On Somber Soil 
7. Adorned with the Black Vetebra
8. Abyssal Church... The Portal Revealed

WEBLINKS:
Bandcamp
Facebook
Official website
YouTube

Nessun commento