24/07/10

Sodom "Better Off Dead"

Full-length, Steamhammer, 1990
Genere: Thrash Metal

Parlare di metal da battaglia e non nominare i signori della guerra per eccellenza, i Sodom? Chi ascolta thrash e non è mai stato coinvolto dal loro sound arcigno e violento? Hanno scritto pagine fondamentali per la storia di questa musica, i primi quattro album sono gioielli su cui non c'è realmente un cazzo da discutere, si amano, si vivono e si onorano per ciò che trasudano: pura passione thrash.
"Better Off Dead" è proprio il capitolo conclusivo del primo periodo Sodom, dopo di esso due gran dischi come "Tapping The Vein" e "Get What You Deserve" anticipano il clamoroso passo falso dal titolo "Masquerade In Blood", unica loro macchia in una carriera praticamente perfetta con i dovuti alti e bassi ma senza svendite di culo.

Torniamo a "Better...": cos'abbiamo fra le mani? Un classico lavoro uscito dalla fucina inesauribile di Tom Angelripper; allora il bassista cantante era accompagnato da Michael Hoffman alla chitarra e dall'ahimé defunto Chris Witchhunter. Assalti frontali come "Shellfire Defense" e la title-track si alternano a brani cadenzati e spacca ossa quali "The Saw Is The Law" e "Capture The Flag", e non manca mai una traccia che evochi la dedizione per lo stile punk che Angelripper da sempre adora. Tocca a "Stalinhorgel" ricoprire tale ruolo, e se ciò non bastasse l'heavy metal viene omaggiato con la riproposizione di due canzoni inno: "Turn Your Head Around" dei Tank di "Filth Hounds Of Hades" che di far girare la testa non fa smettere di sicuro. Al contrario lo sbattimento è assicurato e "Cold Sweat" dei Thin Lizzy di "Thunder And Lightning" a dir poco esaltante, basterebbe questo per comprare il disco a occhi chiusi.

Contando che la prestazione come sempre è di prim'ordine e seppur il cambio alla sei corde e la fuoriscita di Frank Blackfire sia impossibile da non notare non c'è stato un calo o una botta d'arresto bensì una pronta risposta che ha probabilmente tentennato in due soli episodi definibili minori ma sicuramente non scartabili, parlo di "Never Healing Wound" e "Tarred And Feathered".
Una lezione sotto tutti i punti di vista quest'album, propone un'ottima rappresentazione dello stile della band, fornisce un ulteriore motivo di mea culpa per i tanti giovani che sottovalutando l'heavy, la madre del metal, si ritrovano ad ascoltare capolavori come le cover qui proposte, convinti purtroppo che appartengano al gruppo di Angelripper (cosa realmente accaduta e di una tristezza unica), il quale è uno dei signori intoccabili del metal per chi scrive, ma credo che una bella risata se la farebbe di sicuro a sentire stronzate di questo calibro.

Approfittate quindi del fatto che chi scrive la storia vi fornisca degli assist per approfondire le vostre conoscenze, e se dite o pensate anche solo lontanamente di amare il thrash non smettete di far girare i loro lavori fra cui "Better Off Dead" nel vostro stereo, la strada per la redenzione musicale passa per via certa anche da loro: divinità insostituibili.

Recensione a cura di: Tomb
Voto: 86/100

Tracklist:
1. An Eye for an Eye 04:25
2. Shellfire Defense 04:22
3. The Saw Is the Law 04:12
4. Turn Your Head Around (Tank cover) 03:23
5. Capture the Flag 06:08
6. Bloodtrails 04:45
7. Never Healing Wound 02:26
8. Better Off Dead 03:44
9. Resurrection 04:50
10. Stalinorgel 04:42

Total playing time 42:57

http://sodomized.info/
http://www.myspace.com/sodom

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...