10/10/13

Satyricon "Satyricon"

Full-length, Roadrunner Records
(2013)

Una recensione veramente complessa, questa. Forse la più difficile mai fatta nella mia intera carriera di recensore! Il punto è questo: i precedenti 3 album dei Satyricon a me non piacciono, ma non perché “non hanno parti veloci di batteria”, perché “sembrano una band venduta” o che altro: è che io non li capisco.
Non capisco cosa ci sia di geniale in certi loro brani, non capisco cosa volevano dire o dimostrare, non capisco dove volevano arrivare, in che ottica dovevo vederli, eccetera. Conclusi dicendo che i brani di quegli album sono troppo poco comprensibili per me, e forse i Satyricon erano anche troppo evoluti, cambiati talmente tanto e velocemente che forse anche loro stentavano a orientarsi sul discorso musicale che avevano voluto affrontare. Ma dal loro precedente album moltissimo è cambiato. Cinque anni e un tour chiamato “Finale in black” (titolo tendenzioso) rendono quest’album necessario da inquadrare nel contesto.

Chi sono i nuovi Satyricon, una band che sta per finire? Una band da non vedere più come black metal? Una band venduta? Una band in crisi d’identità musicale? Non lo sappiamo, ma l’ascolto dell’album mostra invero un livello qualitativo maggiore di quello visto negli ultimi 3 album. Ciò che è cambiato è il bilanciamento delle influenze musicali, gli arrangiamenti sono più curati nei dettagli e i brani non sembrano spogli deliri in mid tempo, ma soprattutto i riffs sono più vari. Basta sentirlo con l’intro “Voice of shadows”, un riff di chitarra cupo eppure convincente, addirittura che sembra riprendere “The shadowthrone”, e il mood convincente e elegante è confermato da “Tro og kraft”, una canzone che addirittura plana nella parte centrale in una parte lenta ma per niente affossata, addirittura dal mood tragico. E se “Our world...” conferma questo, “Nocturnal flare” mostra un feeling quasi stoner, una specie di “K.I.N.G.” decisamente più potente e meglio proposta. E non solo: in passato tra le tante cose che non capivo dei Satyricon del 2000 era questa voglia di metterci forzatamente dei tempi veloci quando è chiaro che non erano il massimo della resa e soprattutto con la tensione del brano che andava scemando. “Walker upon the wind” è un brano black convincente e credibile, forse un po’ un’altra “Night of the triumphator”, ma pur sempre ben fatta e credibile.

Certo, “Nekrohaven” e “Ageless northern spirit” sono dei brani secondo me filler, il prima che copia stancamente gli ultimi album, e il secondo con dei riff lenti e batteria veloce a dare un feeling death metal fuori contesto e poco speciale, se non solo a volte. Ma l’attenzione è per “Phoenix” e “The infinity of time and space”. La prima penso sia già nota: è un brano malinconico e dall’effetto addirittura pop, cantato in pulito e con un testo nostalgico, come se Satyr l’avesse scritto guardando indietro al suo retaggio black metal nonostante ormai ne sia lontano. Viene l’impressione che non sia cambiato tanto il Black Metal, quanto lui, e che riflette su questa distanza. “The Infinity...” invece è un brano più che altro lento, sul doom ma con l’ombra black metal che gli dà un feeling avvelenato, il più variegato come feeling, a volte tragico, a volte addirittura epico, col testo eloquente (“Hunter, warrior - The stage is yours - I can no longer rule”) e una chiusura tipo “casino all’ultima canzone da live” che addirittura lascia ombre sul futuro dei Satyricon. Insomma: tranne qualche filler, il self titled album dei Satyricon funziona, ma per paradosso funziona proprio quando non ricalca gli ultimi tre album e diventa davvero difficile capire se questa band stia tornando sui suoi passi o abbia dosato meglio le sue influenze. Oggettivamente è un album buono. Scordatevi legami col passato, scordatevi blast beats e aspettatevi soltanto i precedenti tre albums meglio proposti. Se siete disposti a ascoltare senza pregiudizi il nuovo corso dei Satyricon, allora questo disco è quello giusto.

Già solo per questo, quest’album è un album di svolta, si spera, e forse addirittura un classico quantomeno nella discografia dei Satyricon, perché esplica il nuovo corso meglio di quanto “Volcano”, “Now, diabolical” e “The age of nero” insieme sappiano fare. Per questo motivo il giudizio finale è quello espresso lì sotto. È il loro miglior album dei nuovi Satyricon per meriti propri, non certo perché è il meno brutto, e il suo valore aumenterà col tempo. Se volete ascoltarlo, fatelo senza pregiudizio e vi saprà dare delle soddisfazioni.

Recensore: Snarl
Voto: 76/100

Tracklist:
1. Voice of Shadows 02:35 instrumental
2. Tro og kraft 06:01
3. Our World, It Rumbles Tonight 05:12
4. Nocturnal Flare 06:38
5. Phoenix 06:32
6. Walker upon the Wind 04:58
7. Nekrohaven 03:12
8. Ageless Northern Spirit 04:43
9. The Infinity of Time and Space 07:47
10. Natt 03:34 instrumental

DURATA TOTALE: 51:12

https://www.facebook.com/SatyriconOfficial
http://www.satyricon.no/

1 commento:

  1. E' un disco che poteva avere del potenziale, ma i suoni che tanto decanta Satyr sono mosci, non hanno spinta e i brani, tolta qualche eccezione sono davvero bruttini. Potevano fare molto meglio. Non sono d'accordo poi che Volcano non sia un bel disco, per me rimane uno dei migliori della loro evoluzione recente.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...