VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

25/10/16

AXIS OF DESPAIR "Mankind Crawls" (Recensione)

EP 7", Give Praise Records / Spela Snabbare Records
(2016)

Nel 2005 con la morte di Mieszko Talarczyk e la conseguente fine dei Nasum si apre una ferita enorme nel grindcore svedese e scandinavo in generale. Questa premessa è ovvia quanto necessaria per parlare praticamente di ogni uscita in ambito grindcore e affine proveniente da quell’area geografica. La ragione è che, volente o nolente, qualunque band si cimenti in simili territori si trova a fare i conti con un lascito impossibile da ignorare.
E’ come se i Nasum fossero, anche da estinti, un corpo celeste con una forza di gravità tale da rendere suoi satelliti tutti coloro che si confrontino con il loro genere.
Gli Axis of Despair fanno probabilmente parte dei “volenti”, in quanto alla batteria c’è un certo Anders Jakobson, macchina perfetta alle pelli dei Nasum dal 1996 al 2005. Il resto della band è composto per la quasi totalità da ex membri di Coldworker e Volturyon, tutti nomi di prima fascia del dell’ondata di Swedish Death revival post 2005.

“Mankind Crawls” contiene una manciata di pezzi registrati durante le stesse sessioni da cui è stato ricavato il precedente Ep degli Axis Of Despair, dato alle stampe nel 2015. Il trademark dei due sette pollici è dunque il medesimo, grindcore svedese-scandinavo imbastardito da attitudine hardcore e influenze tanto crust quanto death metal altrettanto scandinavo.
Non c’è nessuna volontà di creare un sound rivoluzionario da parte dei nostri. Gli Axis of Despair conoscono la materia e la esprimono a livelli decisamente alti, i pezzi sono compatti, brevi, abrasivi e potenti. La voce come da copione è un ibrido tra i due mostri sacri che hanno forgiato il canone di un growling cavernoso unito al furore spiritato dell’hardcore, Tomas “Tompa” Lindberg e appunto Mieszko Talarczyk. La ritmica è la canonica alternanza tra un treno a folle velocità e gli stop and go che illudono si possa riprendere fiato.

“Mankind Crawls” è un buon biglietto da visita e una chiara dichiarazione di intenti, c’è un album in lavorazione e solamente a quel punto ci renderemo conto di cosa sono realmente gli Axis of Despair.
I requisiti per essere degli eccellenti seguaci di Nasum, Rottend Sound, Retaliation, Gadget e compagnia ci sono tutti. Attenzione però che la distanza tra un onesto e seguace e un emulo senza nulla da dire è breve.

Nicola “El Mugroso” Spagnuolo
Voto: 70/100

Tracklist:
1. The Last Sight 
2. En Vansinnesdans 
3. Enclave 
4. Under the Surface 
5. Skulking 
6. Life on Standby

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...