VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

04/12/17

SOVEREIGN "Harbinger" (Recensione)

Full-length, Independent
(2017) 

Trovare qualcuno dedito ad una commistione tra metallo pesante ed elettronica è già di per sé molto difficile; ancora più difficile trovare qualcuno che fonda in parti uguali i due generi, senza considerare l'uno complementare all'altro. Eppure, la nostra ricerca sembra trovare approdo nella piccola Svizzera, patria di questi Sovereign che, giunti con “Harbinger” al secondo lavoro, sembrano proprio voler celebrare un matrimonio tra brutal death metal e techno/EBM.

La one man band di Jorge Paula Pinheiro (si, lui è di origini portoghesi ma sta in Svizzera), infatti, è dedito ad un metallo strumentale tirato e pesante, basato su chitarroni ribassati iper-distorti e su ritmi che non temono di inoltrarsi in territori slayeriani o di esplodere in blast-beat (per quanto non sia la regola), che costituisce le fondamenta del progetto musicale. Il tutto è ricoperto e si fonde con un pesante uso di sintetizzatori, che non si limitano solamente ad emulare qualche partitura sinfonica (un uso molto comune in moltissimi generi metal, oramai) ma che anzi pescano a piene mani dalla musica elettronica. Possiamo parlare di industrial metal, per farla breve, ma in realtà siamo distanti dalle dissonanze e dall'alienità dei più famosi esponenti del genere (Ministry su tutti, Killing Joke o Skrew), per preferire un approccio, per quanto brutale, comunque più melodico ed intelligibile, meno minimale. 

In certi frangenti mi ricordano molto una versione più pompata dei migliori Fear Factory, anche se l'elettronica gioca comunque un ruolo di maggiore rilievo. Il risultato finale è buonissimo, anche se in linea di massima il disco viene ridimensionato dai ripetuti ascolti, rivelando un'anima a tratti un po' superficiale. 
Un ascolto obbligato, per un band che ha tutti i numeri per crescere e farsi davvero grande.

Recensione a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"
Voto: 70/100

Tracklist:
1. Into the Unkown 04:17
2. Embrace Change 05:47
3. Disorder 04:12
4. The Fall 07:08
5. S.O.M.A. 06:07
6. Revelation 01:39
7. Sugoi! 04:50
8. Synthetic Soul 01:58
9. The Explorer 05:31
DURATA TOTALE: 41:29

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...