Difensori della fede: RITUAL STEEL (Intervista)


La Germania sappiamo che ha una scena heavy metal molto florida, e molte realtà heavy e power metal continuano ad arrivare proprio da questa Nazione. Siamo andati ad intervistare i Ritual Steel, che sono freschi autori del loro nuovo manifesto di puro heavy metal, "V". 

1) Benvenuti Ritual Steel! Il vostro nuovo album si intitola semplicemente "V". Ce ne volete parlare?
Ciao e grazie per l'intervista. Bene, questo è il quinto album dei Ritual Steel. Un album heavy metal dal suono tradizionale, con un tocco di doom metal aggiunto al mix. Un paio di brani come "The Ritual Steel Hammer" e "Ritual Steel II", riprendono una storia che continua da altri brani degli album precedenti e sono stati interrotti. Penso che i fan apprezzeranno questo album.

2) Suonate puro heavy metal, rispettando tutti i dogmi del genere. Cosa vuol dire per voi suonare questo genere ancora nel 2019, dopo tante mode che si sono succedute durante gli ultimi decenni?
Credo che l'heavy metal sia ancora richiesto. I fan vogliono questo tipo di musica. Vogliono il teatro. Band così grandi che continuano a vendere biglietti dei loro concerti, come Iron Maiden e Slayer lo dimostrano. La grande musica non scompare mai, si evolve semplicemente in qualcosa di più grande. Penso che i Ritual Steel portino quel suono unico al mondo.

3) Di cosa parlano i vostri testi e chi li scrive?
Il vocalist John Cason ha scritto il testo di Ritual Steel “V”. Ci sono alcuni temi immaginari coinvolti nei testi. Tuttavia, la maggior parte dei testi sono eventi reali. Ad esempio, la traccia "Civil Unrest" riguarda le proteste in corso in tutto il mondo e come l'umanità sta cercando di trovare giustizia.

4) In cosa pensate si differenzi il vostro nuovo album da quelli precedenti?
Beh, ogni album si è evoluto. Come il tono di chitarra e basso. Diversi stili di canto, tonalità diverse e un tocco di doom. La batteria di Martin Zellmer è sempre stata potente e continua a diventare più dinamica. Sven Boge utilizza i più esclusivi toni di chitarra e basso e si distinguono davvero. Quindi, l'unicità ha reso ogni album diverso a modo suo.

5) Mi sembra che la parola "sperimentazione" non faccia parte del vostro modo di intendere musica, ma volevo chiedervi come potreste evolvervi in ​​futuro senza stravolgere il vostro suono e se questo è nelle vostre intenzioni.
I Ritual Steel hanno un certo suono con cui la band rimarrà. Ad esempio, voci melodiche, batteria potente e assoli di chitarra solidi e puliti. La band ha aggiunto alcuni toni di "doom", e si fondono abbastanza bene con lo stile della band.


6. Siete attivi da quasi venti anni. Vuoi riassumere la vostra carriera elencando i momenti più alti e più bassi secondo il tuo punto di vista?
I Ritual Steel hanno all'attivo cinque solidi album. I momenti più bassi sono stati probabilmente all'inizio, ma lentamente le cose si risolvono. I punti più alti sono stati negli ultimi anni e soprattutto con il nuovo album Ritual Steel “V”.

7) Quali sono le band che più vi sono influenzato e che ancora vi influenzano?
Le influenze per l'intera band derivano da: Cirith Ungol, Iron Maiden, Slayer, Kamelot, e Jag Panzer. E fino ad oggi, queste band sono ancora un'influenza.

8) Ok abbiamo finito, ma prima di lasciarvi vi chiediamo: perchè un fan dovrebbe comprare il vostro ultimo album? Insomma fatevi un po' di pubblicità. Un saluto!
Prima di tutto, l'album è un grande heavy metal tradizionale, con molta potenza. Testi significativi, batteria potente, chitarra, basso e voce. Pure Steel Records sta pubblicando questo album in tutto il mondo e li ringraziamo molto per questo. L'artwork è sorprendente. Il nuovo album offre ai fan uno spettacolo attraverso il CD / vinile. Vero metallo al suo meglio. Grazie a tutti i fan di tutto il mondo.


Intervista a cura di Sergio Vinci "Kosmos Reversum"

Nessun commento