09/09/10

Anaal Nathrakh "Eschaton"

Full-length, Season of Mist, 2006
Genere: Black Metal/Grindcore
 
Geniali, folli, quanto di più estremo in circolazione. Come definire gli Anaal Nathrakh? E’ difficile scegliere una delle tre definizioni perché nella musica degli inglesi si ritrovano alla perfezione tutti e tre gli aspetti.
Intuizioni geniali che rasentano la follia, una malsanità e malvagità di fondo che assieme al riffing schizoide e potentissimo, coadiuvato da una sessione ritmica assolutamente devastante e inumana rendono gli Anaal Nathrakh una delle band più interessanti ed importante non solo della scena d’avanguardia del black metal ma di tutta la scena estrema.  

“Eschaton” è il terzo full della band che con questa release ha raggiunto una qualità eccellente in ogni aspetto, dal lato compositivo, a quello tecnico impressionante e a quello della registrazione davvero perfetta. La melodia ha raggiunto un ruolo importante nel sound degli inglesi che però non hanno di certo rallentato sul piano della brutalità e dell’estremizzazione sonora. Irrumator e V.I.T.R.I.O.L. danno prova di una capacità creativa scioccante che riesce ad amalgamare tantissimi generi, dal black e death metal, al brutal, grind e venature industrial, in modo eccelso. Inoltre le linee vocali di V.I.T.R.I.O.L., coadiuvato per l’occasione da Attila Csihar, rasentano l’assurdo e sono un elemento aggiunto al riffing tagliente di Irrumator e tra i guest che hanno partecipato al lavoro troviamo nientemeno che Shane Embury, chirattista degli inglesi Napalm Death.
 
L’esempio più fulgido di tutto ciò è certamente la seconda traccia “Between Shit And Piss We Are Born”, geniale già dal titolo, il cui ritornello in clean vocals si stampa immediatamente nella mente dell’ascoltatore per poi non mollarlo più, diventando quasi un’ossessione.In conclusione “Eschaton” è un album che colpisce nel segno sotto tutti gli aspetti, va ascoltato molte volte prima di poter godere appieno di tutte le sue sfumature e della sua complessità. Da avere assolutamente!
 
Recensione a cura di: XeS666
Voto: 90/100

Tracklist:
1. Bellum Omnium Contra Omnes 03:16
2. Between Shit and Piss We Are Born 03:54
3. Timewave Zero 03:01
4. The Destroying Angel 03:11
5. Waiting for the Barbarians 04:46
6. The Yellow King 04:54
7. When the Lion Devours Both Dragon and Child 04:57
8. The Necrogeddon 04:11
9. Regression to the Mean 03:12

Total playing time 35:25

http://www.myspace.com/anaalnathrakh

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...