24/09/10

Dark Metamorphosis "Kingdom Gone"

Full-length, Self-Released, 2010
Genere: Black Metal/Ambient

I solo project aumentano a dismisura, molti sono totalmente inutili, altri geniali, altri ancora hanno le potenzialità ma mancano dei mezzi adatti per avere una visibilità adeguata. Girovagare su myspace ogni tanto porta a galla qualche buona realtà che data la vastità del panorama musicale in genere rimane celata ai più; non è il primo e non sarà l'ultimo caso quello dei Dark Metamorphosis.

Sono incappato nell'ultimo album "Kingdom Gone" di questa one man band americana di cui il leader è Count Draclecarde e ne sono rimasto piacevolmente preso, seppur di strada da fare ce n'è, e non poca. Controllando sugli archivi (Metal Archives) ho notato che come di frequente accade per questo tipo di act il numero di dischi rilasciati è vasto e probabilmente sconsiderato, la voglia e la fretta uniti non sono consiglieri di cui fidarsi ciecamente. E' innegabile che la primordialità del riffing e dei ritmi usati per scandire molti dei brani porti alla mente nomi come Hellhammer e Darkthrone, il musicista americano ha però delle buone carte da sfruttare e che vanno oltre a un semplice e limitativo clonare il passato. Riesce a dare svolte inaspettate al sound miscelando alla classica carica scura del black Nineties una dilatazione doom che ogni tanto prende piede diluendo e enfatizzando il suond, digressioni progressive e un supporto amosferico pregno di malinconia o epicità assecondando il mood interno dei vari episodi. Non sarà nulla di innovativo in genere ma apportano comunque linfa vitale ai vari brani.

L'ora di musica relegata all'interno del platter può essere riassunta per il sottoscritto nei quattro episodi più riusciti e che stranamente formano coppie ben precise: "Are You Morbid Yet"/"When The Last Candles Burn Out" e "Back To Blood"/"Kingdom Gone", sono queste le canzoni che incarnano a pieno titolo l'operato che la natura dei Dark Metamorphosis porta avanti, a queste si può aggiungere una ritualistica "Eclipse By Endless Dark" che però è altalenante come prestazione risultando incisiva per lo più nei frangenti intimamente neri.
Purtroppo i pezzi vengono gambizzati da una produzione deficitaria che non rende giustizia alla prova espressa, non da possibilità all'ascoltatore di godere appieno delle potenzialità che l'album è capace di esprimere e da un suono di drum machine sin troppo smorto e meccanico.
Curando soprattutto l'ultimo aspetto "Kingdome Gone" avrebbe fatto un bel salto di qualità, non sarebbe diventato un capolavoro ma avrebbe avuto una forma più adatta a rappresentare la prestazione che vi risiede, in queste condizioni invece non può considerarsi che appena sufficiente.

Recensione a cura di: Tomb
Voto: 63/100
 
Tracklist:
1. Requiem 02:41
2. Are You Morbid Yet 10:40
3. When The Last Candle Burns Out 08:37
4. Eclipsed By Endless Dark 10:05
5. Desperation 05:06
6. Suffer Like G Did 06:54
7. Back To The Blood 05:26
8. Kingdom Gone 07:46
9. Cage Of Fangs 06:10

Total playing time 01:03:25

http://www.myspace.com/darkmetamorphosismusic

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...