07/09/10

Joyless Jokers "Arms of Darkness"

EP, Independent, 2010
Genere: Melodic Death Metal

Primo ep autoprodotto per questa band di Vicenza, e possiamo dire che fosse uscito anche per una etichetta “che conta” non avrebbe sfigurato. La produzione è a livelli più che buoni, il genere viene esplorato in maniera competente e la tecnica dei singoli musicisti è encomiabile.
Il disco si apre infatti con una bella dimostrazione di potenza chiamata “Black Light”, ben forgiata nelle chitarre taglienti della coppia Giardello-Brunetti, puntuali e precisi nello sciorinare riff d’impatto e melodici al tempo stesso, come la classica tradizione del death melodico insegna. Infatti i Joyless Jokers appoggiano saldamente i piedi in quella scena che vede bands come Arch Enemy, At The Gates, Dark Tranquillity e primi In Flames come i padri indiscussi. Molti sono i richiami a queste bands e infatti i Joyless Jokers a mio avviso già a partire dalla seconda traccia, “Chapter To Sorgive” cominciano a inciampare nei sentieri del già sentito, della staticità compositiva, della impersonalità. In realtà non voglio muovere critiche pesanti a questa formazione, anzi, potrei dire che il dischetto in questione non farà fatica a trovare ampi consensi fra gli amanti del melo-death, ma dove la band riesce egregiamente (tecnica, professionalità), di contro c’è da rimarcare che tutto quello contenuto qui dentro non stupisce, perché sembra un compendio, un ripasso dei vari nomi che citavo prima senza molta inventiva.

Questo comunque potrebbe non risultare per forza un difetto, perché a volte è meglio essere dei buoni gregari che degli innovatori scadenti, e in questo credo che si debba dare merito a questa band di aver creato un disco con delle tracce davvero riuscite e devastanti (cito ancora la bella title-track). Sono buone le intuizioni a livello di tastiera, però a volte non hanno un suono dei migliori, mentre a livello della mera esecuzione, come già accennavo, non posso assolutamente muovere critica alcuna; tutti offrono una performance di alto livello e il prodotto è curato in maniera maniacale (a volte qualche tinta un po’ più sporca al sound in generale non avrebbe guastato a mio avviso).

Insomma credo sia chiaro di che tipo di prodotto stiamo parlando, e potrei riassumere il tutto dicendo che qui dentro tutto è al posto giusto, ma l’unica cosa che manca, e non è poco, è la personalità, soprattutto nelle vocals che appiattiscono tutto, insistendo su un growling eseguito bene ma poco vario. Una band che comunque dimostra già al suo esordio di avere molte carte in regola e solide basi su cui lavorare. E’ per questo infatti che alcune mie critiche, che comunque non devono oscurare i numerosi lati positivi, sono state fatte col preciso intento di poter risentire i Joyless Jokers con un nuovo prodotto che, se terrà conto di qualche imperfezione da correggere, potrà davvero fare pieno centro. Per adesso una ampia sufficienza mi sembra meritata.

Recensione a cura di: Kosmos Reversum
Voto: 65/100

Tracklist:
1. Black Light
2. Chapter To Forgive
3. Arms Of Darkness
4. Back To Ashes
5. Shame

http://www.myspace.com/joylessjokers

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...