31/10/12

Melencolia Estatica "Hel"

Full-lenght, Temple of Torturous, 2012
Genere: Black Metal

Melencolia Estatica, ovvero quando l'Italia ti sorprende. One man band che ruota attorno a Climaxia, talento musicale femminile già in forza a gruppi quali Absentia Lunae, Lintver ed ex membro dei Mestlet, cuore pulsante del progetto in questione, autrice dei riff di chitarra, basso,  ed arrangiamenti orchestrali. Hel (la divinità degli inferi della mitologia norrena) è la terza tappa della discografia della band e si avvale della collaborazione di Thorns alla batteria e di Afthenktos alla voce, nonché autore dei testi.


Hel è innanzitutto un concept album ispirato al celebre film di Fritz Lang: Metropolis, del quale i Melencolia Estatica tentano di riproporre la carica alienante, meccanica e disumana. Così come la sua controparte cinematografica, Hel punta il dito verso un mondo dominato dalla produzione a se stante, quel “lavoro morto” che si riproduce fine a se stesso, quale reiterazione soffocante.
La band è abilissima nel comunicare questo grigiore esistenziale attraverso una prova che è, paradossalmente (dato che il tema trattato è quello della monotonia), varia, dinamica ed incredibilmente gradevole. Climaxia ha gusto per la melodia, il suono è sempre sinuoso, incuriosisce ed invita ad ascolti ripetuti. Dimostrazione di come si possa suonare black (avviso ai detrattori, n.d.a.), rappresentarne la tensione emotiva, senza per questo riciclare stilemi già noti.
Musicalmente ci troviamo di fronte ad un disco di stampo prettamente moderno, la registrazione è ottima, senza mai dare quella fastidiosa sensazione “digitale” che spesso penalizza le produzioni black metal che fanno ampio uso di soluzioni atmosferiche. Il disco alterna negli stessi brani trame serrate ed altre più distensive: tremolo picking, chitarre effettate, melodie di basso ed orchestrazioni ora si intrecciano, ora si escludono in “climax” violenti e riflessivi ben scanditi dalla batteria di Thorns ed impreziositi dalla prestazione di Afthenktos.

Ciò che colpisce maggiormente, è la grande varietà di Hel, mai monotono, sempre pronto a cambiare, a scommettere su elementi differenti, integrandoli alla perfezione. Come riferimento basti pensare ad Hel V (tutti i brani riprendono il titolo del disco), summa dello stile dei Melencolia Estatica: partenza serrata, sviluppo che alterna foga a calma e finale in pieno stile gothic rock con tanto di arpeggio e clean vocals. Il tutto in un contesto estremamente omogeneo e gradevole.
Un ultima riflessione su Hel VI: una litania modulata su un arpeggio sospeso, un chiaro tributo, secondo il parere di chi scrive, ai Christian Death di Rozz Williams,  band culto della scena dark, a dimostrazione di come questa talentuosa band italiana sia in grado di incarnare perfettamente, l'essenza di quel black metal che riprende la tradizione della dark wave, rimodellandola in modo estremo, esacerbandone la carica allo stesso tempo romantica e violenta.

Un disco vivamente consigliato dunque, di cui noi italiani dovremmo andare fieri, soprattutto per la creatività e la personalità che i Melencolia Estatica dimostrano di possedere.


Recensione a cura di: Ersatz
VOTO: 85/100

Tracklist:
1. HEL I
2. HEL II
3. HEL III
4. HEL IV
5. HELL V
6. HELL VI

http://www.facebook.com/pages/Melencolia-Estatica-Official/152540761487080
http://www.templeoftorturous.com

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...