VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

21/03/15

MALTHUSIAN - Below the Hengiform

EP, Invictus Productions 
(2015)

l’Irlanda di solito non è tra le prime linee in ambito metal, e soprattutto nella frangia più estrema, ma questi Malthusian hanno sfornato un ep, dalla considerevole durata di 24 minuti, davvero degno di nota. Innanzitutto quello che mi ha colpito è la proposta non omologata del quartetto, che prende spunto dal black, dal death e dal doom più marcio, per forgiare un sound deviato e morboso che potrebbe richiamare formazioni come Portal, Immolation, Grave Miasma e altri ancora. I brani sono come macigni pesantissimi, odorano di morte e follia, dove vocals impazzite tra growl e scream accompagnano una autentica calata negli Inferi. I riff sono saturi, oscuri, dissonanti e a volte richiamano anche i primissimi Morbid Angel, ma i continui rallentamenti creano una tensione che si taglia col coltello, e questo sarà l’elemento che sicuramente non lascerà indifferenti gli adoratori del doom metal.

Tre brani fatti per far male, tutti di durata elevata, suonati come si deve e con cognizione di causa.. Fa specie che un gruppo che non è ancora arrivato a pubblicare il primo vero e proprio full-length abbia già così elevate qualità, dimostrando una perfetta competenza verso ciò che suona, a partire da una sincera e sentita devozione verso il metallo della morte, fino ad arrivare ad una padronanza invidiabile degli strumenti. La produzione esalta questo “Below the Hengiform”, non essendo troppo pulita e cercando di donare un’aura davvero opprimente al tutto. E’ il suono della fine!

Complimenti ai Malthusian quindi, che con questo ep di debutto, ad esclusione del primo ep “MMXIII”, ci danno una lezione difficile da dimenticare, dove gli incubi prendono forma e ci trascinano negli abissi più profondi. Dischetto breve ma consigliato a chi ama davvero il death/black metal di antica concezione, con la speranza che i nostri a breve ci delizino con un full-length.

Recensione a cura di: Sergio Vinci “Kosmos Reversum” 
VOTO: 79/100
 
Tracklist:
1. The Gasless Billows 09:04 
2. Slouching Equinox 08:58 
3. Forms Become Vapor 06:16

DURATA TOTALE: 24:18
 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...