VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? OLTRE 20.000 VISITE SINGOLE MENSILI TI ATTENDONO! SCRIVI A: hmmzine@libero.it

07/11/16

INSONUS "Nemo Optavit Vivere" (Recensione)

EP, Throats Productions
(2016)

Ep di debutto per questi Insonus, un duo italiano dedito ad un black metal vecchio stampo con forti richiami depressive, ma non per questo privo di personalità o troppo riciclato. Come dicevo, c'è una forte compente depressive nel sound costruito da R. (chitarre, seconde voci) e A. Vocals, (chitarre, voce, basso e drum programming), come dimostra pienamente l'urlo soffocato della seconda traccia intitolata "Bury Me", canzone che nei suoi dieci minuti di durata mette in mostra il lato più negativo dei nostri, mentre l'apertura affidata a "The Solution" poteva far pensare ad un black metal più ortodosso e in your face, in quanto i tempi di batteria e il riffing erano più serrati.

"Nihilist Manifesto" si pone come una giusta via di mezzo tra irruenza sonora e pennellate grigie che colorano l'animo dell'ascoltatore trasmettendo un senso di desolazione piuttosto accentuato. Buono il riffing, sempre abbastanza avvolgente ed ispirato, sia in fase ritmica e sia in fase di arrangiamento. Chiude "Life Hurts a Lot More Than Death", altro episodio malinconico contaminato con vaghi influssi ambient, che rendono il pezzo abbastanza ipnotico e che riporta in mente alcune cose del vecchio caro Burzum più meditativo.
I nostri non stupiscono per chissà quali effetti speciali o sperimentazioni; la loro proposta è semplice e facilmente assimilabile e a volte purtroppo i deja-vu si fanno sentire, portandoci alla conclusione che, sebbene prodotti come questi siano molte volte il frutto della volontà precisa dei suoi autori di non discostarsi troppo da certi canoni, dischi di questo tipo sono gradevoli all'ascolto ma non imprescindibili. 

Con questa ultima affermazione non voglio dire assolutamente che questo "Nemo Optavit Vivere" sia un prodotto inutile, tutt'altro. Da un certo punto di vista grazie a dischi come questo gli ascoltatori potranno ritrovare, senza troppi patemi d'animo, ciò che amano senza troppi elementi "di disturbo". 
Insomma, se volete del depressive black metal ben suonato, ben prodotto, e che vi trasmetta un minimo di emozione, ripiegate tranquillamente su questo ep. Se invece cercate altro e non avete voglia di malinconia, ascoltate prima di, eventualmente, acquistare. 

Recensione a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"
Voto: 65/100

Tracklist:
1. The Solution 08:21
2. Bury Me 10:04
3. Nihilist Manifesto 06:38
4. Life Hurts a Lot More Than Death... 07:42
DURATA TOTALE: 32:45

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...