16/06/17

BLAZE BAYLEY "Endure and Survive (Infinite Entanglement Part II)" (Recensione)

Full-length, Blaze Bayley Recordings
(2017)

L’album “Infinite Entanglement” di Blaze Bayley è stato probabilmente il suo rilascio più riuscito fin dai tempi del suo debutto da solista all’inizio del millennio in termini di riconoscimento critico e di profitti finanziari. Dal punto di vista artistico, fu comunque uno dei rilasci meno ispirati di Blaze Bayley.. Il tradizionale Heavy Metal con una produzione terribile che incontra una storia concettuale di fantascienza.
Il motivo per cui questo record è stato così un successo è probabilmente dovuto al fatto che i temi della fantascienza sono molto popolari in questi giorni e sembra che Blaze Bayley semplicemente saltò sul carro del vano qui. Blaze Bayley è un artista duro, onesto e simpatico che merita sicuramente questo successo, ma non ero troppo eccitato del fatto che l’ultima release sarebbe stata la prima di una trilogia.

“Endure and Survive” è un passo nella giusta direzione a mio parere. Prima di tutto, la produzione è migliorata vertiginosamente. Il basso non è così dominante come nel precedente disco, forse è anche un po’ troppo in sottofondo questa volta, ma è ancora meglio di quello che è stato offerto nella precedente uscita dove lo strumento ha seppellito tutto il resto. Anche le voci sembrano un po’ più equilibrate e, in secondo luogo, l’album ha un’ atmosfera più cinematografica ed epica grazie a più passaggi vocali e interludi concettuali. La storia sta diventando sempre più interessante.

Il più grande difetto di questo album è che suona molto simile al precedente. L’album è costituito sostanzialmente da nove canzoni Heavy Metal, piuttosto brevi e senza sorprese. La sezione ritmica sembra poco incisiva, poiché il basso è quasi inudibile e i pattern di batteria sono altrettanto scambiabili. Il lavoro di chitarra è migliore di quello del predecessore e offre incantevoli melodie di chitarra acustica e riff malinconici e solitari. Blaze Bayley dà tutto ciò che ha sulla voce e il suo entusiasmo è in qualche modo contagioso e quasi trasporta da solo questo disco. Altro problema, è che l‘ album manca assolutamente di una traccia standout che possa offrire qualcosa di più di una buona idea.

Nonostante il suo tema futuristico, questo album è molto conservatore da un punto di vista musicale. Se piace l’ Heavy Metal vecchio stile che potrebbe essere stato rilasciato trent’anni fa e una storia di fantascienza che potrebbe provenire da uno dei numerosi videogiochi recenti nella chiave di “Alien”, “Mass Effect”, ecc… questo album vi potrebbe soddisfare completamente. Se ci si aspetta qualcosa di più coraggioso e creativo, si potrebbe considerare questo rilascio nella media, nel migliore dei casi. È leggermente migliore di “Infinite Entanglement”, ma non di molto.

Recensione a cura di: Benito Stavolone
Voto: 72/100 

Tracklist:
1. Endure and Survive 04:27 
2. Escape Velocity 03:27 
3. Blood 04:41 
4. Eating Lies 04:48 
5. Destroyer 04:30 
6. Dawn of the Dead Son 05:19 
7. Remember 03:58 
8. Fight Back 03:25 
9. The World Is Turning the Wrong Way 04:35 
10. Together We Can Move the Sun 08:14 

DURATA TOTALE: 47:24

BLAZE BAYLEY - Facebook

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...