Vuoi qui il tuo annuncio? Scrivi a: hmmzine@libero.it

DEFLAG "Let Us All Unite!" (Recensione)

EP, Ghost Record Label
(2022)

“Let Us All Unite!” è l'ep d'esordio degli italiani Deflag, che con cinque canzoni ripercorrono quello che era il trend dell'hardcore-crossover-metal di una quindicina di anni fa. Sento echi di varie band nel loro sound, dai Converge, ai primi Norma Jean, ma anche qualcosa del classico hardcore in stile Sick Of It All, fino ad arrivare alle declinazioni più moderne del metal, e vorrei inserire nel loro contesto un nome non dei soliti, ma potrei tranquillamente parlare degli Extrema. 

Questa commistione tra suoni più intricati e frangenti davvero potenti rende questo ep davvero bello, soprattutto se si prende il reparto ritmico formato dal bassista Alessandro Piccinelli e dal batterista Fabio Gianasso. Entrambi fanno un lavoro eccellente, e una produzione impeccabile fa capire l'importanza del basso nella musica pesante, messo ben in evidenza qui.

Una voce scarnificante accompagna quasi tutte le fasi dell'album in maniera appropriata, ma sa modularsi nei numerosi momenti più riflessivi dell'album, riuscendo a plasmarsi molto bene in tutti questi cambiamenti. La tecnica viene messa in primo piano, perchè questa band sa davvero permetterselo, ma tutto fa parte di un gioco degli opposti che i Deflag conoscono bene: tecnica ed immediatezza, malinconia e rabbia, velocità e groove, tutti elementi che si succedono con continuità in questo ep, con una naturalezza degna dei più grandi. 
Ep d'esordio strabordante, band da seguire assolutamente!

Recensione a cura di Sergio Vinci
Voto: 80/100

Tracklist:
1. Liberation
2. Heart of Porcelain
3. Dig Deep
4. Forgive Forget
5. A little Part Of

Line-up:
Daniele Pagani – voce
Lorenzo Gamberini – chitarra
Alessandro Piccinelli – basso
Fabio Gianasso – batteria

Web:

Nessun commento