08/05/12

Nunslaughter “Hells Unholy Fire (Reissue)”

Full Length, Hells Headbangers Records, 2012
Genere: Death/Thrash Metal

Il disco in questione dei Nunslaughter in pratica è la ristampa dei primi demos ed ep che partono dal 1987 fino ai primi anni novanta, già pubblicato nel 2000 ed andato fuori catalogo. Oggi veste una nuova grafica (blasfema come al solito), un nuovo libretto e nella versione doppio CD ( c’è anche la versione doppio vinile colorato) è incluso anche il raro Lp live “An Evening at War”. Tutto questo è edito grazie alla Hells Headbangers Records. Cosa dire di questo lavoro?

Innanzitutto è una chicca per i fans di questi pazzoidi americani, che muovendosi ad oltranza nell’ underground estremo sfornavano e tutt’ora sfornano un Death/Thrash Metal primordiale stile Possessed, Hellhammer, primissimi Death, ma anche dai Venom (impossibile non prendere spunto da loro), ma c’è qualcosa che ricorda anche gli Slayer degli esordi, come in “Cataclysm”. Punto secondo questo platter è un vera mazzata sui denti perché questi invasati suonano in maniera brutale e ti sputano in faccia tutta la loro perversione senza fronzoli, con un media di un paio minuti per canzone. Qui troviamo chitarre zanzarose altamente esplosive e poco inclini alla melodia, un drumming feroce che si getta anche in blast beats marci (“Killed By The Cross” – “The Dead Plague”), un basso ruvido che frusta, una voce che sembra registrata nelle caverne, tutto suonato veloce ma senza dimenticare di aggiungere un’ atmosferaa lugubre e morbosa come nell’opener “I am Death” e in “Blood For Blood”, a completare l’opera maligna ci pensano i loro testi dissacranti ed abominevoli. 

Il livello delle canzoni è buono per tutto il cd ma altre canzoni che spiccano secondo me sono “Dead By The Death” per la sua dinamicità ed efferatezza immediata, “Burning Away” per la sua struttura strana che sembra mescolare una specie di crossover al Death Old School, “Buried Alive” per la chitarra che mi ricorda il rumore di una motosega arrugginita, ed infine “Satanic” perché è veramente grezza e semplice ma capace di mietere vittime sin dall’inizio. 
I Nunslaughter sono sinonimo di garanzia in quest’ambito musicale, quindi non fateveli scappare e preparatevi al peggio!!


Recensione a cura di: chrisplakkaggiohc
VOTO:  80/100


Tracklist:
1. I Am Death 02:56
2. Death by the Dead 01:14
3. Cataclysm 01:33
4. The Dead Plague 01:38
5. Hells Unholy Fire 01:49
6. Killed by the Cross 01:57
7. Burning Away 01:03
8. NunSlaughter 02:28
9. Burn in Hell 02:05
10. Blasphemy 01:39
11. Seas of Blood 01:06
12. Inverted Churches 01:57
13. Blood for Blood 01:41
14. Impale the Soul... 01:41
15. Altar of the Dead 01:00
16. Buried Alive 01:42
17. Perversion of Gore 01:44
18. Satanic 00:48

DURATA TOTALE: 30:01

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...