VUOI INSERIRE IL TUO BANNER QUI? VUOI PUBBLICIZZARTI? ALLORA SCRIVI A: heavymetalmaniac1@libero.it

venerdì 15 gennaio 2016

DEMENTIA SENEX - Heartworm

EP, Drown Within Records
(2013)

Post hardcore, death metal, noise...Questi sono alcuni degli elementi che troverete in questo ep intitolato "Heartworm", dei cesenati Dementia Senex. La band in questione non è stata molto prolifica fino ad oggi, mettendo a segno, in quasi dieci anni di attività un demo, un ep e uno split. L'ep è il qui presente "Heartworm", e non è facile descrivere una proposta musicale come la loro, anche se ultimamente sono sempre di più le band che cercano una via "alternativa" all'estremismo sonoro.

Qualcosa che idealmente possa creare un ponte tra band fondamentali per il post-metal come i Neurosis, uniti a chiari influssi death, post-core e black metal. In poche parole è questo lo stile proposto dai Dementia Senex, che ci propongono tre tracce, di cui solo l'ultima si spinge un po' di più verso il death/black metal tout court, ovvero la title track. E' come trovarsi di fronte ad uno scritto di Lovecraft; ci sono tanti elementi inquietanti nella musica di questi ragazzi, che evocano immagini quando oniriche e dilatate, quando serrate e terrificanti. L'uso particolare delle chitarre, in tal senso, è fondamentale, le quali si muovono costantemente per creare armonie cupe e introspettive, ben supportate da una batteria mai straripante, ma efficace e potente. Il basso rifinisce col suo suono rotondo e corposo il tutto. La voce è spesso espressa in uno screaming disperato, ma non mancano incursioni di clean vocals nei momenti appropriati. 

Un disco che dura meno di venti minuti e che, se da una parte scorre piacevole e fluido, dall'altra è anche capace di portare, in poco tempo, dove molti altri falliscono. Ci sono a mio avviso delle cose ancora da limare e mettere meglio a fuoco, e parlando di gusto personale potrei dire che qualche parte maggiormente veloce non avrebbe guastato e avrebbe apportato ancora più energia "hardcore" al tutto. Ma queste sono anche valutazioni che deve fare la band, insomma le classiche scelte stilistiche che poi possono piacere o meno.
Detto questo, vi consiglio sicuramente questo ep, un bel concentrato di buona musica, ben congegnata e suonata, e soprattutto "sentita", con un feeling molto personale.

Recensione di: Sergio "Bickle" Vinci
Voto: 70/100

Tracklist:
1. Unscented Walls 08:31
2. Kairos 02:29
3. Heartworm 06:44

DURATA TOTALE: 17:44

PAGINA FACEBOOK

Nessun commento:

Posta un commento