Intervista: BARAFOETIDA


1) Benvenuti Barafoetida! Ci volete raccontare cosa è cambiato dal precedente album al nuovo "Here Comes the Raven"?

Salve Hot Music Magazine. Allora, rispetto al precedente lavoro (Buio Scarlatto), “Here Comes the Raven” è un mini album con 4 nuovi brani inediti più un remaster di un vecchio brano (Do my Way) fatto sul nostro primo demo, mentre Buio Scarlatto è un vero full-length a tutti gli effetti. Il primo è un disco tutto suonato strumentalmente e con molte parti elettroniche, ed è stato concepito come colonna sonora per l’omonimo film, mentre nel secondo i brani sono quasi completamente di matrice electro e cantati. Su Buio Scarlatto le sonorità hanno molti riferimenti al dark progressive, mentre su Here Comes the Raven siamo andati oltre, mantenendo comunque la matrice Horror/dark, da cui siamo partiti con questo progetto.

2) A quali band vi siete ispirati inizialmente, e a quali ancora vi ispirate? 

Abbiamo svariati riferimenti, e tutti e tre ascoltiamo moltissimi generi musicali. Ma facendo un po' la sintesi di tutto ciò, possiamo dire che le band che maggiormente ci hanno ispirato sono Goblin, Death SS, Sisters Of Mercy, NIN, Fields of the Nephilim, Depeche Mode.

3) "Here Comes the Raven" è il vostro nuovo lavoro, c'è un messaggio particolare all'interno di questo disco? Volete spiegarcelo più nel dettaglio, soprattutto a livello di testi?

Allora sul brano principale che dà poi il titolo all’ep si guarda verso un futuro che mano a mano si sta distruggendo, a un futuro distopico appunto ad una probabile società che nel tempo si fa sempre più spaventosa. Su Chemtrails and HAARP si fanno riferimenti al Nuovo Ordine Mondiale e un po' si allaccia con Here Comes the Raven, riferito a queste organizzazioni e società malsane che stanno portando il mondo alla distruzione. Su Tantrika ci sono riferimenti Crowleyani e alla magia sessuale. Honest in fine è un brano più intimista e sentimentale. Il messaggio comunque più forte e quello che porteremo avanti per il prossimo lavoro è quello della distruzione e la fine di questa nostra terra.

4) Anche se è appena uscito, avete già ricevuto qualche parere riguardo il nuovo album?

Qualche parere positivo e qualche piccola critica come tutti le abbiamo ricevute, attendiamo ora nuove recensioni, che possano far si di far capire meglio anche a noi che impatto generale possa suscitare questo disco all’ascoltatore.


5) Siete attivi sul fronte live? E che spettacolo cercate di offrire al pubblico?

Attualmente non abbiamo ancora date in programma, ma stiamo lavorando ad una set list da presentare al pubblico, di conseguenza stiamo anche studiando dei piccoli effetti scenici e teatrali che ci possano accompagnare durante l’esecuzione dei brani e cercare così di offrire oltre ad uno spettacolo musicale, anche uno visivo.

6) Quali sono i vostri obiettivi per il futuro e quali obiettivi che vi eravate prefissati pensate di aver già raggiunto?

Per il futuro stiamo già lavorando e registrando un full-length di cui per ora non sveliamo nulla. Beh come obbiettivi, possiamo dire di essere contenti di quello che abbiamo fatto finora, di esser riusciti ad aver dato visibilità ai nostri lavori, e di aver avuto anche l’onore di aver collaborato con musicisti di grande talento (Diego Banchero de Il Segno del Comando).

7) Domanda personale: quale pensate sia stato il miglior complimento che vi hanno fatto come band, e quale invece è stata la critica più ingiusta?

Onestamente complimenti e critiche ne abbiamo ricevuti come è giusto che sia, per il momento di critiche che possiamo ritenere ingiuste non ne abbiamo sentite, per quanto riguarda i complimenti, pensiamo che tutti quelli ricevuti siano da mettere allo stesso valore.

8 ) State già lavorando a del nuovo materiale?

Si come detto in precedenza stiamo registrando nuove canzoni per il prossimo album, che come anticipato ad inizio intervista porteremo avanti tematiche sulla fine del mondo, di più non possiamo svelare per ora!

9) Concludi come vuoi l'intervista!

Un saluto a tutti i lettori di Hot Music Magazine, ringraziamo voi per averci concesso questa intervista, e ci auguriamo che metta curiosità a qualche lettore a seguirci nei nostri canali (Facebook, Bandcamp, Spotify, YouTube, e al nostro blog (“https://barafoetida.blogspot.com/”).


Intervista a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"

Nessun commento